• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – APalazzo dei Nobili Abramo ha incontrato delegazioni docenti dell’Agrario

    Catanzaro – APalazzo dei Nobili Abramo ha incontrato delegazioni docenti dell’Agrario

    Il sindaco Sergio Abramo ha incontrato a Palazzo de Nobili una delegazione di docenti dell’Istituto tecnico agrario per discutere della paventata apertura di una sede distaccata della stessa scuola. Abramo ha reso noto agli insegnanti presenti di aver incontrato nella mattinata il presidente della provincia Bruno insieme ad alcuni consiglieri provinciali per confrontarsi su una problematica che ha generato particolare preoccupazione anche tra i docenti dell’istituto agrario. La stessa delegazione ha riferito al sindaco Abramo di aver espresso il proprio dissenso, in sede di collegio docenti, all’ipotesi di un’eventuale sede distaccata a Sellia Marina che potrebbe mettere in serio pericolo la continuità e la qualità dell’offerta formativa specialmente in termini di disponibilità di laboratori e attrezzature necessarie per lo svolgimento delle attività didattiche. “Voglio rassicurare i docenti e le famiglie – ha detto Abramo – ribadendo loro che l’amministrazione comunale ha espresso totale contrarietà ad un’ipotesi del genere che, in un periodo segnato dalla necessità di razionalizzare la spesa pubblica, rappresenterebbe solo un ulteriore aggravio finanziario. Inoltre, sarebbe concreto il pericolo di dare vita ad una classe ghetto per di più penalizzata dall’assenza di spazi adeguati per la formazione dei giovani. L’istituto Agrario è unanimemente riconosciuto come una struttura d’eccellenza a livello regionale nel campo dell’istruzione superiore ed è fondamentale difendere il ruolo e la funzione che Catanzaro vanta come Capoluogo di regione. Per questo motivo, dopo aver aperto un tavolo di confronto con la Provincia – e ringrazio il presidente Bruno ed i consiglieri per l’attenzione e la disponibilità dimostrate – terremo alta l’attenzione per scongiurare ogni possibile rischio di depotenziamento dell’offerta formativa”.