• Home / CITTA / Morte sedicenne; Tribunale, lesa immagine Regione

    Morte sedicenne; Tribunale, lesa immagine Regione

    La morte, dopo un intervento di appendicite, della sedicenne Federica Monteleone ha leso l’immagine della Calabria. Cio’ rende legittima la richiesta della Regione di costituirsi parte civile nel processo. E’ quanto sostiene il Tribunale di Vibo Valentia nell’ordinanza con cui ha rigettato la richiesta dei difensori delle nove persone imputate di omicidio colposo per la morte della sedicenne di escludere dal processo la Regione, gia’ ammessa dal gup nel corso dell’udienza preliminare, come parte civile. Secondo il tribunale, ”la legittimazione degli enti territoriali a costituirsi parte civile e’ nozione ormai comunemente accolta nella giurisprudenza. Tale legittimazione, in qualita’ di parte danneggiata dal reato, e’ stata fondata sull’esistenza di un diritto all’immagine del quale e’ stato direttamente ritenuto titolare l’ente pubblico. Quello all’immagine e’ un danno che non coincide ne’ con quello patrimoniale, ne’ con quello erariale o morale in senso stretto, ma e’ piuttosto conseguente alla grave perdita di prestigio e credibilita’ dell’ente e nel discredito che si e’ determinato”. Riguardo il Tribunale dei diritti del malato, il collegio giudicante ne ha confermato la costituzione di parte civile ”in quanto le persone giuridiche sono legittimate a costituirsi non soltanto quando il danno riguarda un bene su cui gli stessi vantano un diritto patrimoniale, ma, piu’ in generale, quando il danno coincide con la lesione di un diritto soggettivo”.(ANSA).