• Home / CITTA / Tumore seno: gene brevettato, ora prevenzione più cara

    Tumore seno: gene brevettato, ora prevenzione più cara

    E’ stata senz’altro una delle decisioni controverse nella storia dell’Ufficio europeo dei brevetti quella di concedere all’universita’ Usa di Salt Lake City la possibilita’ di brevettare il gene Brca1, la cui mutazione aumenta il rischio di sviluppare tumore al seno e alle ovaie. Un caso praticamente unico in Europa, dove in base a questa decisione, come spiega la rivista ‘Nature’, i proprietari del brevetto potranno ora farsi pagare le royalties, cioe’ i diritti, per tutte le migliaia di test che si fanno ogni anno per identificare questo gene e le persone a rischio di cancro. Rendendo quindi la prevenzione per le donne piu’ costosa. Circa il 10-15% di tutti i tumori al seno e alle ovaie presenta una mutazione dei geni Braca1 e Brca2, che portano a circa 5mila nuovi casi ogni anno in Europa. Nelle famiglie dove ci sono gia’ stati altri casi di cancro, il rischio puo’ salire anche all’80%. I genetisti clinici sono contrari al monopolio dei test diagnostici sui geni di alcune malattie, perche’ blocca la competizione che puo’ stimolare lo sviluppo di prodotti migliori e piu’ economici. Ma molti genetisti hanno gia’ fatto sapere che continueranno a fare il test sfidando il brevetto. ”Nessuna clinica europea – dice Gert Matthijs, direttore del centro di genetica umana dell’universita’ di Lovanio – ha pagato le royalties per le diagnosi sul Brca1 da quando l’ufficio europeo dei brevetti ne ha concessi tre nel 2001 alla Myriad genetics, industria Usa biotech che a sua volta ne ha trasferito la proprieta’ all’universita’ di Salt Lake City nel 2004”. Ma proprio in quell’anno l’ufficio europeo dei brevetti aveva revocato il brevetto perche’ troppo ampio e rendeva impossibile la prevenzione. Decisione ribaltata lo scorso novembre dal consiglio di appello, dopo che i proprietari del brevetto hanno detto che la copertura del brevetto sara’ estesa solo alle ‘frame-shift mutations’, particolare tipo di mutazione genetica che consiste in un’alterazione del quadro di lettura del codice genetico. Un po’ come se si cambiasse una lettera di una parola. Ma per i genetisti si tratta di una decisione confusa e che potra’ essere facilmente aggirata. ”Nella pratica clinica infatti – spiega Giuseppe Novelli, direttore del centro di genetica umana di Tor Vergata – potra’ essere facilmente ignorata nei casi di urgenza”. Inoltre non e’ chiaro da quale momento dell’analisi genetica si inizia a infrangere il brevetto. ”Come faccio a sapere se quella paziente – continua Novelli – ha la frame-shift mutations e non posso farle il test? Dovrei prima aver analizzato la madre, la sorella e la zia. Troppo macchinoso. Credo che gli unici effetti questa decisione li avra’ sui grandi centri che fanno i test a scopi commerciali”. Con l’evolversi della scienza e’ pero’ necessario fare una riflessione, secondo Demetrio Neri, docente di Bioetica all’universita’ di Messina. ”Non si puo’ pensare che il privato, che rappresenta il 90% dei finanziamenti in ricerca – commenta – non voglia trarne anche un beneficio economico. Finche’ gli Stati non investiranno piu’ risorse in questo settore, si puo’ ragionare su brevetti che salvaguardino anche gli interessi pubblici”. In generale la Societa’ europea di genetica, conclude Novelli, ”e’ contraria al brevetto di geni umani perche’ naturali, mentre e’ favorevole a quello dei frutti dell’ingegno umano, come una metodologia per vedere i geni”. (ANSA).