• Home / CITTA / Racket: Grasso, cresce la voglia di reagire

    Racket: Grasso, cresce la voglia di reagire

    ”C’e’ una fase assolutamente positiva in cui cresce la voglia di reagire da parte del mondo imprenditoriale, ma non facciamoci illusioni”. Lo ha sostenuto il presidente della Federazione italiana antiracket, Tano Grasso, oggi a Lamezia Terme per partecipare ad un convegno con il sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano. ”E’ una voglia che cresce rispetto al passato – ha aggiunto – ma e’ una spinta che, comunque, resta assolutamente inadeguata rispetto a quella che e’ la realta’ del condizionamento mafioso nei confronti delle imprese. Se in questo contesto mettiamo la Calabria, facciamo un ulteriore passo indietro rispetto a questa spinta che si e’ manifestata in maniera debole sia all’interno del mondo associativo sia fra gli stessi imprenditori. La costituzione di parte civile in processi da parte del Comune di Lamezia Terme e’ forse l’unico esempio in Calabria. Questa e’ l’unica realta’ dove qualcosa si muove”. ”Laddove gli intrecci tra realta’ mafiose e realta’ imprenditoriali sono piu’ forti – ha sostenuto poi Grasso – e’ piu’ difficile romperli. Probabilmente in Calabria l’intreccio e’ ancora piu’ forte che altrove. E’ difficile demarcare dove finisce l’economia legale ed inizia quella mafiosa. Pero’ non bisogna generalizzare. Non si tratta di criminalizzare l’imprenditore calabrese. Quando non ci sono le denunce, l’elemento determinante e’ la convenienza a stare in un meccanismo di convivenza con le realta’ mafiose”. (ANSA).