• Home / CITTA / Lsu scuola, De Gaetano: “Dramma da scongiurare”

    Lsu scuola, De Gaetano: “Dramma da scongiurare”

    “Un dramma occupazionale da scongiurare con ogni mezzo”. Così il capogruppo di Rifondazione comunista in Consiglio regionale, Nino De Gaetano, giudica “la dolorosa prospettiva denunciata dai 1.500 lavoratori e lavoratrici impiegati da un decennio nelle pulizie delle scuole calabresi: dal 1 gennaio, infatti, se il Governo non interverrà con lo stanziamento delle risorse necessarie, questi ex Lsu si ritroveranno non solo senza stipendio ma anche senza ammortizzatori sociali che possano rendere meno traumatica l’improvvisa disoccupazione”. “Per evitare questo epilogo inaccettabile e ingiusto (la legge n.124/1999 ne aveva previsto la stabilizzazione), il Governo – prosegue De Gaetano – è ora chiamato a compiere ogni sforzo per riuscire a stanziare, nella legge finanziaria e nel decreto anticrisi, la somma utile alla prosecuzione dei servizi: dei 375 milioni necessari, infatti, risultano ad oggi impegnati solo 110 milioni con conseguenze prevedibili sul fronte occupazionale e su quello dei servizi scolastici se non si riuscisse ad intervenire con una correzione in corsa d’opera”.  “Ci uniamo pertanto – conclude l’esponente del Prc – all’accorato appello del presidente del Consiglio regionale Giuseppe Bova che ha investito della questione il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti e quello dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, sollecitando un intervento urgente. Per sperare che questa corsa contro il tempo tagli felicemente il traguardo, evitando l’ennesima catastrofe sociale calabrese, serve infatti l’impegno comune di parti sociali, istituzioni e politica, uniti in un compatto fronte di protesta, in Calabria come a Roma”.