• Home / CITTA / Crisi economica: De Rose (Confindustria), decreto governo penalizza Sud

    Crisi economica: De Rose (Confindustria), decreto governo penalizza Sud

    Il decreto legge ”anticrisi” varato dal Governo penalizza il Mezzogiorno. Lo dice il presidente di Confindustria Calabria, Umberto De Rose, che boccia il provvedimento senza indugi. ”Come se non bastassero i ripetuti scippi perpetrati fino ad oggi -prosegue- anche quest’ultimo provvedimento per quanto dettato da una situazione contingente particolarmente difficile, individua nella rimodulazione dei Fondi per le aree sottosviluppate (i Fas) e nella destinazione delle sue risorse, lo strumento finanziario per far fronte alle emergenze complessive”. Questa azione secondo il presidente degli industriali calabresi ”dovrebbe non solo indignare ma anche far ribellare l’intera classe politica meridionale” che definisce ”una costante che sembra non scandalizzare piu’ nessuno” i provvedimenti che producono effetti negativi sul Sud Italia. ”Come si puo’ parlare di coesione, di sviluppo e riequilibrio economico per il Mezzogiorno se si continuano a sottrarre le risorse appositamente dedicate a questi scopi?” chiede De Rose che attacca i politici calabresi: ”Dove sono e cosa fanno i nostri rappresentanti in Parlamento e quelli di una intera classe meridionale nel mentre si consumano ripetutamente gli scippi a danno dell’intero Mezzogiorno?”. Il presidente di Confindustria Calabria conclude parafrasando la leggenda di Robin Hood; ”l’unico problema pero’ – dice – sembra essere quello dell’interpretazione autentica nella lotta seguita dal leggendario arciere: nel nostro caso, infatti, si toglie ai poveri per dare ai ricchi”. (Adnkronos)