• Home / CITTA / Cgil: a rischio 15mila precari calabresi

    Cgil: a rischio 15mila precari calabresi

    ”Le misure del Governo mettono a rischio immediato oltre 400.000 precari in Italia ed oltre tre milioni di giovani con contratti di lavoro a termine, in Calabria sono oltre 15.000 i precari che, se non interverranno modifiche normative, al 31 dicembre 2008 resteranno senza lavoro e senza salario”. Lo si legge in una nota, diffusa dalla Cgil Calabria.

    ”A perdere il posto di lavoro saranno per primi proprio quei lavoratori che hanno meno tutele, e nessun ammortizzatore sociale, ne’ cassa integrazione, ne’ indennita’ di disoccupazione, gli ex LSU, attualmente con contratti di collaborazione, che svolgono mansioni amministrative, e quelli stabilizzati nei servizi di pulizia, nelle scuole. Ma a rischio sono tutti i precari della pubblica amministrazione – continua la nota – impegnati nella Regione, nelle Provincie, nei Comuni e nelle societa’ partecipate, i tagli interessano infatti tutti i settori, a rischio sono anche le stabilizzazioni nei call center, ma tutto il settore privato non e’ esente da rischi, il venir meno dei finanziamenti interessera’ infatti anche tutte le cooperative sociali che operano in regime di convenzione con gli enti pubblici per lo svolgimento di servizi all’infanzia, agli anziani e ai disabili”.

    ”A pagare il prezzo della crisi – conclude la nota – sara’, quindi, soprattutto il Sud, i tagli ai servizi colpiranno, in particolare, le donne della Calabria, sulle quali ricadra’ il compito di cura di bambini, anziani e disabili, chi si ritrovera’ a vivere in famiglia condizioni di disabilita’, di non autosufficienza di genitori o nonni, sara’ costretta ad lasciare il posto di lavoro anche se a termine, alla precarieta’ lavorativa si aggiungera’ la precarieta’ delle condizioni di vita” (Asca)