• Home / CITTA / Why not: la procura di Cz apre un nuovo filone sull'inchiesta

    Why not: la procura di Cz apre un nuovo filone sull'inchiesta

    La Procura generale di Catanzaro ha aperto un nuovo filone dell'inchiesta 'Why not', relativa a presunti affari illeciti tra politici, imprenditori e membri di logge massoniche coperte. A scriverlo, oggi, è il Quotidiano della Calabria, secondo cui il nuovo filone riguarderebbe appalti affidati al consorzio Brutium, riconducibile ad Antonio Saladino, il principale indagato dell'inchiesta Why not. "Sabato scorso – scrive il quotidiano – c'è stata una riunione tra il procuratore generale Enzo Iannelli, i suoi sostituti, due magistrati inquirenti della Procura di Paola (Cosenza) e un perito romano". La Procura di Paola è interessata all'indagine perché indaga su uno spezzone dell'inchiesta. Infatti, continua il Quotidiano, la settimana scorsa è stata interrogata Daniela Marsili, testimone nell'inchiesta Why not. (Apcom)