• Home / CITTA / Stipendi Atam: incontro a Palazzo San Giorgio

    Stipendi Atam: incontro a Palazzo San Giorgio

    Un importante incontro a Palazzo San Giorgio per discutere del delicato problema degli stipendi dei lavoratori dell’Atam.

    Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, ha ricevuto i lavoratori ed i sindacati per esaminare la questione e ricercare soluzioni immediate. I lavoratori, infatti, lamentano il mancato pagamento degli stipendi.

    Presenti all’incontro anche l’assessore alla Polizia Municipale, trasporti e sicurezza Amedeo Canale e l’amministratore unico dell’Atam Demi Arena.

    Un lungo confronto durante il quale sono emersi i problemi che ormai da tempo attanagliano l’azienda, nonostante gli sforzi di contenimento da parte dell’Amministratore unico della società e dell’Amministrazione Comunale.

    “Abbiamo chiesto questo incontro nella speranza che qualcosa si muova dal momento che nutriamo una grande stima nei confronti del Governo di Palazzo San Giorgio”, sono state le parole dei rappresentanti sindacali.

    “Il problema va risolto dalla radice – ha spiegato il Primo Cittadino – non possiamo permetterci, il mese prossimo, di trovarci nella stessa situazione che viviamo oggi. Abbiamo fatto tanto per il progresso dell’Atam, sforzi vanificati dall’inattività della Regione. Ma in questo momento dobbiamo concentrarci sulla cosa più importante: gli emolumenti dei dipendenti”.

    Dello stesso tenore il discorso dell’assessore Canale che ha voluto sottolineare l’impegno dell’Amministrazione municipale ed ha assicurato: “Ne discuteremo per tutta la giornata ed entro domani daremo una risposta. Alzeremo il tiro nei confronti della Regione sempre disattenta nei confronti della nostra città. Ci impegneremo al massimo affinché i nostri diritti vengano rispettati”.

    “Non dobbiamo disperdere le forze – ha, invece, proseguito Arena –                                 anche se sussistono questioni importantissime da affrontare quali la dotazione chilometrica, per la quale ho intrapreso una battaglia sin dal 2005, ed i crediti pregressi. Oggi dobbiamo concentrarci sulla disponibilità del denaro necessario per il pagamento degli stipendi di ben trecentocinquanta lavoratori e, quindi, di altrettante famiglie”.

    Una risposta che non tarderà a giungere, dunque, sulla quale sono al lavoro tutti gli amministratori competenti. (Roto San Giorgio)