• Home / CITTA / Plauso giovani ingegneri per elezione Adolfo Santini

    Plauso giovani ingegneri per elezione Adolfo Santini

     Riceviamo e pubblichiamo

    L’Associazione Giovani Ingegneri della Provincia di Reggio Calabria (AGI-RC) esprime la propria soddisfazione per l’elezione del professore Adolfo Santini alla guida della Facoltà di Ingegneria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria per il triennio 2008/2011, subentrato al professore Francesco Carlo Morabito, al quale vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per l’encomiabile opera svolta nel corso del settennato che lo ha visto al vertice di una Facoltà che è riuscita a ritagliarsi uno spazio sempre più autorevole e qualificato nel panorama accademico-scientifico internazionale. “Accogliamo con estremo compiacimento la scelta quasi unanime del Consiglio di Facoltà di eleggere il docente ordinario di Scienza delle costruzioni e Dinamica delle strutture Adolfo Santini preside di una delle facoltà divenute fiore all’occhiello dell’intero sistema universitario nazionale, perché in lui riconosciamo qualità e capacità dimostrate nei quasi vent’anni trascorsi all’interno dell’ateneo reggino e, in particolare, nella Facoltà in cui gran parte di noi si è formata. E la nostra formazione non può non aver risentito della sua mano – dichiara il presidente dell’AGI-RC, ingegnere Alessandro Iacono – Sono stati anni vissuti quasi gomito a gomito, nei quali abbiamo cercato di apprendere il più possibile da un ingegnere preparato, un docente valido, uno studioso appassionato, un professionista serio, un maestro vero. Ora da laureati e giovani professionisti che operano sul territorio di Reggio e provincia,  ci auguriamo che le occasioni di dialogo e confronto costruttivo avute in passato col professore Santini nelle sue vesti di docente, prorettore, direttore di Laboratorio, coordinatore di Dottorato di ricerca e presidente di Corso di laurea, possano proseguire, e anzi arricchirsi di nuovi contributi reciproci, soprattutto sul terreno più propriamente tecnico-professionale, sempre rivolti alla tutela delle nuove leve dell’ingegneria reggina, autentica linfa di una categoria naturalmente proiettata verso scenari in continua trasformazione ed evoluzione. Nello stesso tempo, il nostro ringraziamento non può non andare a chi lo ha preceduto. Al preside Morabito, va il nostro plauso per l’impegno profuso e il servizio reso alla comunità scientifica e accademica nella costante tutela di tutte le componenti e a totale supporto degli studenti, oggi ingegneri”.