• Home / CITTA / Reggio, venerdì la benedizione della statua di San Gaetano Catanoso

    Reggio, venerdì la benedizione della statua di San Gaetano Catanoso

    Si terrà venerdì 4 aprile alle 18 la benedizione della statua in legno di San Gaetano Catanoso donata dall’Amministrazione comunale di Reggio Calabria che partecipa alla fondazione “San Gaetano Catanoso” presieduta dal nipote del Santo, Pasquale Catanoso, con l’assessore delegato Antonella Freno.
    La concelebrazione liturgica, presieduta dall’arcivescovo metropolita Vittorio Mondello, si svolgerà nella chiesa parrocchiale di via del Gelsomino 1 e cadrà in occasione del quarantacinquesimo anniversario della scomparsa del sacerdote reggino.
    “La statua  – spiega l’assessore comunale ai Grandi Eventi e Beni Culturali – è stata realizzata presso il laboratorio di arte sacra “Ferdinando Stuflesser” di Ortisei, Bolzano, storica azienda nazionale fondata nel 1875 ed oggi alla quinta generazione di maestri scultori: San Gaetano Catanoso è raffigurato in piedi, con in mano il santo rosario e con indosso l’abito talare che lo ha accompagnato nel suo lungo sacerdozio a sostegno dei bisogni e delle speranze degli ultimi. La consegna ai fedeli di quest’effigie – dichiara ancora l’assessore – rafforza il sempre più crescente bisogno di fede ed impegna le coscienze cattoliche ad azioni di testimonianza per affermare la centralità dell’amore, della solidarietà e della vicinanza agli ultimi. E’ un faro che illumina i cuori ed incide sulla mai appagata esigenza di supremazia del bene comune. Assieme alla filiale venerazione nei confronti della Madonna della Consolazione, infatti, la diffusione della devozione a San Gaetano rappresenta per la Città un esaltante punto di forza, di testimonianza e di esempio. Un dono fortemente voluto dal sindaco Giuseppe Scopelliti, interprete della religiosità della popolazione reggina e della grande esigenza di reverenza verso il Santo. L’artistica statua, che sarà consegnata per la venerazione alla parrocchia di San Gaetano affidata a don Giuseppe Sorbara – conclude Antonella Freno – esalta anche l’azione missionaria delle Suore Veroniche del Volto Santo, congregazione istituita da San Gaetano sull’esempio della Veronica che ha asciugato il volto del Cristo sofferente mentre ascendeva il Calvario, e quotidianamente impegnata ad imitarne l’esempio, ritrovando il Cristo in ogni fratello sofferente”. (Roto San Giorgio)