• Home / CITTA / Abusivismo edilizio: la Regione dispone abbattimento di 52 ecomostri

    Abusivismo edilizio: la Regione dispone abbattimento di 52 ecomostri

    Venerdi' 4 aprile, a Rossano, alla
    presenza del presidente della Regione Agazio Loiero e
    dell'assessore all'Urbanistica e Governo del territorio
    Michelangelo Tripodi, sara' dato il via alla demolizione di
    cinquantadue fabbricati per un volume complessivo di circa
    44.300 mc., realizzati su area demaniale marittima in localita'
    ''Zolfara''. A darne notizia e' un comunicato dell'Ufficio
    stampa della Giunta regionale.

    ''L'intervento, per la cui effettuazione l'Assessorato
    all'Urbanistica ha stanziato la somma di un milione di euro – e'
    scritto nel comunicato – prevede, oltre alla demolizione dei
    manufatti, la riqualificazione ed il recupero paesaggistico e
    ambientale di un'area di circa 21 mila mq. con la riproposizione
    dell'originario 'habitat' naturale dei luoghi''.
    ''Dopo la demolizione dell'ecomostro di Copanello – ha
    affermato l'assessore regionale all'urbanistica Michelangelo
    Tripodi – nella direzione del nuovo corso avviato dal governo
    regionale, continua la lotta contro gli ecomostri per la
    valorizzazione del paesaggio che rappresenta una delle priorita'
    programmatiche dell'assessorato all'Urbanistica e della Giunta
    regionale''.

    L'operazione rientra nell'Accordo di Programma Quadro
    ''Paesaggi & Identita''' di cui alla delibera Cipe 35/05
    ''Emergenze Urbane e Territoriali'', sottoscritto circa un anno
    fa tra la Regione, il Ministero dello Sviluppo economico ed il
    Ministero delle Infrastrutture, destinato a finanziare nove
    interventi ''pilota'' per un importo complessivo di cinque
    milioni di euro.
    ''L'Apq – ha detto l'assessore Tripodi – e' stato voluto
    fortemente e portato avanti con tenacia per dare un segnale di
    svolta concreta, in tema di tutela del territorio, ricreando,
    con la demolizione degli 'ecomostri', condizioni di riequilibrio
    paesaggistico-ambientale. Si tratta di un Apq che non ha
    riscontri in nessun'altra regione a dimostrazione di una scelta
    qualificante che pone la Calabria in una posizione avanzata
    nell'impegno piu' generale per tutelare e valorizzare il
    territorio e il paesaggio''.

    Oltre all'intervento sul litorale di Rossano, sono previsti:
    la rimozione di una scogliera artificiale in localita'
    ''Seggiola'' del comune di Pizzo, per un importo di 600 mila
    euro; il recupero paesaggistico-ambientale in localita' ''San
    Martino'' di Copanello del comune di Staletti' per un importo di
    600 mila euro; la demolizione di un ''edificio non finito'' nel
    Comune di Stignano, per un importo di 400 mila euro;
    la riqualificazione ed il ripristino ambientale di una ''cava''
    dismessa nel comune di Cessaniti per un importo di 400 mila
    euro; la demolizione del fabbricato denominato ''scoglio di
    Ulisse'' nel comune di Scilla per un importo di 600 mila euro;
    la demolizione di un tronco di molo non utilizzato nel comune di
    Bova Marina per un importo di 400 mila euro; la demolizione di
    villette non finite ed il recupero ambientale nel comune di
    Stilo per un importo di 400 mila euro; la demolizione di
    fabbricati in localita' ''Le Boccette'' con ripristino e
    recupero ambientale del ''fosso Lumia'' del comune di Tropea per
    un importo di 600 mila euro.

    ''A breve, inoltre, – prosegue la nota – sara' pubblicata, da
    parte dell'assessorato e del dipartimento Urbanistica e Governo
    del Territorio, una manifestazione d'interesse con la quale si
    inviteranno i comuni della Calabria, che presentano, su aree di
    particolare pregio paesaggistico-ambientale, manufatti edilizi
    costruiti abusivamente ed in contrasto con la legislazione
    vigente, a presentare istanza per essere ammessi, con successivo
    bando, ai finanziamenti dei programmi che saranno attivati con
    le risorse del Por 2007-2013''. (ANSA)