• Home / CITTA / Sequestro cantiere, alcuni fornitori vicini cosche

    Sequestro cantiere, alcuni fornitori vicini cosche

    Uso di calcestruzzo non conforme al capitolato d'appalto con l'Anas e contiguita' di alcuni fornitori con noti esponenti della criminalita' organizzata della zona: e' quanto emerso dall'inchiesta condotta dai carabinieri del Gruppo Locri e coordinate dalla Dda di Reggio Calabria che stamani ha portato al sequestro del cantiere dei lavori a Marina di Gioiosa Ionica. L'impresa aggiudicatrice secondo quanto rilevato dai carabinieri, per utilizzare un calcestruzzo diverso per le opere, avrebbe messo in atto alcuni artifici tali da far sembrare regolari le forniture inducendo in errore l'Anas che avrebbe liquidato le spettanze per forniture non effettuate o effettuate in maniera diversa da quanto previsto. Inoltre, la contiguita' tra alcuni fornitori e elementi della 'ndrangheta avrebbe permesso alle cosche di trarre benefici e vantaggi. (Ansa)