• Home / CITTA / Regione, assessore Tripodi presiede incontri con Sindaci interessati ad “ecomostri”

    Regione, assessore Tripodi presiede incontri con Sindaci interessati ad “ecomostri”

    L’assessore Michelangelo Tripodi ha presieduto, a Palazzo Alemanni, un incontro con i sindaci dei Comuni che rientrano nell’Apq sugli ecomostri per fare il punto della situazione a un anno dalla firma dell’accordo.
    “L’insieme degli interventi da realizzare con l’Apq attraverso un finanziamento di cinque milioni di euro – ha affermato Tripodi –  si inseriscono in un più ampio contesto avviato da questo assessorato con il programma ‘Paesaggi & Identità’. In sostanza, con riferimento al paesaggio costiero, gli interventi alla base dell’Accordo si concentrano sulla necessità di preservare e valorizzare il patrimonio naturalistico- ambientale attraverso la repressione di qualsiasi uso indiscriminato del territorio che causa una sistematica distruzione delle coste e del paesaggio rurale, con l’obiettivo di invertire ogni orientamento culturale che accetta la persistenza tollerata dell’abusivismo edilizio”.
    I Comuni interessati all’Apq sugli economostri sono Stalettì (recupero paesaggistico e ambientale con l’abbattimento di una struttura in località San Martino di Copanello), Stilo (demolizione di villette non finite su area demaniale e recupero ambientale), Tropea (demolizione di alcuni manufatti edilizi realizzati a scavalco dell’alveo del fosso “Lumia” con ripristino ambientale e difesa idraulica), Cessaniti (riqualificazione e ripristino ambientale cave dimesse), Stignano (demolizione di un edifico non finito con recupero ambientale), Rossano (demolizione di abitazioni abusive costruite lungo la fascia costiera in area demaniale con riqualificazione paesaggistico-ambientale dell’area), Pizzo (rimozione scogliera artificiale località Seggiola), Scilla (demolizione del fabbricato Scoglio di Ulisse con recupero paesaggistico) e Bova Marina (ricostruzione delle linea naturale della costa mediante la demolizione di un tronco di molo non utilizzato).
    “Sono tutti interventi emblematici – ha aggiunto l’assessore all’Urbanistica – di alcune situazioni ricorrenti di compressione del paesaggio calabrese, per i quali, in alcuni casi,si rende necessaria la demolizione. In ogni caso, tutti gli interventi hanno come obiettivo generale la riqualificazione paesaggistica e ambientale dei siti degradati”.

    L’assessore Tripodi ha annunciato, infine, che per proseguire l’impegno per la tutela del paesaggio e la lotta contro gli ecomostri, al più presto sarà promossa un’apposita manifestazione di interesse rivolta a tutti i Comuni e gli enti pubblici della Calabria al fine di raccogliere le proposte di rottamazione e di riqualificazione paesaggistica che rientreranno in un nuovo programma di interventi che saranno finanziati con il Por Calabria 2007-2013