• Home / CITTA / Reggio, Sindaco nomina Serenella Fraschini consulente per il “Cilea”

    Reggio, Sindaco nomina Serenella Fraschini consulente per il “Cilea”

    Il sindaco Giuseppe Scopelliti ha nominato, a titolo gratuito, il soprano Serenella Fraschini, artista reggina che ha calcato prestigiosi palcoscenici nel corso della sua carriera, consulente, per il settore lirico, del teatro Francesco Cilea.

    “Non posso che esprimere il mio entusiasmo ed, al tempo stesso, la mia emozione – dichiara la Fraschini – sapendo di poter mettere la mia professionalità a disposizione del nostro territorio e del nostro teatro. In riva allo Stretto sono nata, cresciuta ed ho affrontato gli studi: nonostante gli impegni lavorativi mi abbiano portato a vivere in altre realtà e conoscere numerosi luoghi, il legame con Reggio è stato e rimane sempre profondo. Ringrazio, per la fiducia dimostrata nei miei confronti il Sindaco, il quale, tra l’altro, in questi ultimi anni ha dimostrato come investire nel panorama culturale rappresenti un ottimo veicolo di promozione delle peculiarità positive della Città. Inoltre, come le altre scelte compiute dal  Primo cittadino per i settori teatrali, ritengo sia importante affidare ad esperti le varie discipline di cui l’arte si compone. Infatti, il tecnico che sta dietro le quinte e compie scelte artistiche, le quali, poi, vengono tradotte dall’interprete sulla scena, non fa altro che mettere le proprie capacità al servizio di una comunità. Tra gli obiettivi che spero di realizzare tramite questo incarico sicuramente rientra la valorizzazione delle potenzialità di cui è ricca la nostra gente, avvalendomi del genio di artisti calabresi, che, spesso, solo altrove riescono a trovare il degno riconoscimento alla loro arte. Vorrei, inoltre, captare le esigenze dei giovani, affinché riescano ad esprimere la loro creatività e realizzare i loro sogni. Reggio ormai è una piazza importante anche dal punto di vista teatrale, ed il pubblico del Cilea è maturo ad accogliere determinati eventi: per questo ritengo che sia importante programmare quante più opere liriche possibile, magari differenziando il repertorio”.