• Home / CITTA / Reggio, conclusa mostra Cuzzola

    Reggio, conclusa mostra Cuzzola

    Si è conclusa da un paio di giorni la mostra “Trent’anni per l’arte”, personale antologica dell’artista reggino Nello Cuzzola. Quindici giorni in cui il foyer del teatro “Francesco Cilea” è stato arricchito dalle opere del pittore e docente dell’Accademia di Belle Arti cittadina, ammirate da oltre un migliaio tra reggini e turisti.

    All’inaugurazione dell’esposizione, organizzata dall’Amministrazione Comunale – assessorato alla Cultura, hanno partecipato diversi esponenti del mondo istituzionale, accademico e culturale, tra cui il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti, il consigliere comunale delegato al settore Cultura, Antonino Nicolò, l’arcivescovo Vittorio Mondello, ed il presidente dell’Accademia, Martino Parisi.

    Il percorso espositivo ha voluto far rivivere i trent’anni di attività artistica di Cuzzola, tramite cinquanta quadri ed una proiezione su megaschermo in cui, sotto gli occhi dei numerosi visitatori, hanno preso vita oltre trecento immagini riprese dalle opere dell’artista: tra gli scorci più incantevoli della città della Fata Morgana immortalati sulla tela, in sala anche il primo quadro dipinto da Cuzzola a soli 10 anni nel lontano 1965.

    Il tutto arricchito da un elegante monografia che diviene testimonianza cartacea della raffinatezza stilistica del pittore reggino, la cui arte ha varcato spesso i confini della nostra città per indirizzarsi verso luoghi espositivi riconosciuti in ambito nazionale ed internazionale.                                      

    “Oltre l’emozione di aver festeggiato questo significativo anniversario nella mia città – dichiara Nello Cuzzola – sono grato all’Amministrazione comunale che mi ha concesso uno spazio prestigioso quale il foyer del massimo teatro cittadino. Il successo riscosso dalla mostra inoltre attesta l’apprezzamento del pubblico nei confronti delle mie realizzazioni, e ciò rappresenta, per un artista, lo stimolo più importante nel proseguo della propria attività professionale”.

    (Roto San Giorgio)