• Home / CITTA / “Settimana della Cultura”, “Comunicare il bene”

    “Settimana della Cultura”, “Comunicare il bene”

    Cala il sipario sulla Settimana
    della Cultura. L’evento andato in scena nella suggestiva cornice del Museo
    Nazionale della Magna Grecia, ha visto la città di Reggio ed i luoghi deputati
    al sapere artistico-culturale protagonisti di una sette giorni, occasione
    privilegiata, per gustare nel modo  migliore nuovi luoghi e per ammirare sotto una
    nuova luce musei o monumenti già noti.

    “Comunicare il bene Culturale”. La
    giornata conclusiva della manifestazione, ha posto l’accento sulle nuova
    modalità di fruizione del bene culturale.  Nell’ambito del progetto SPIDER il laboratorio
    ComMed si è prefissato come obiettivo da  raggiungere il “comunicare” il bene culturale
    attraverso un modello di trasferimento tecnologico che utilizza l’integrazione dei saperi con strumentazioni tecnologiche avanzate in modo da
    impostare le linee di ricerca industriale nel campo delle scienze cognitive. Le
    parole di apertura dei lavori, affidata alla Professoressa Ornella Micella,
    portano con se l’essenza del format interattivo che si è venuto a realizzare.  “Il prototipo interattivo mira ad un concetto
    innovativo di comunicazione del bene culturale, da una visione ormai suparata
    dei beni come interesse di pochi studiosi- ha commentato la professoressa- si è
    affermata negli ultimi anni una concezione dei beni attenta soprattutto alla
    loro valenza comunicativa”.
      “I vantaggi
    derivanti da questo tipo di sperimentazione sono molteplici- ha aggiunto la
    prof.ssa- la comunicazione e la comprensione avvengono in modo percettivo e
    tramite esperienza, attraverso un linguaggio fatto di immagini, suoni,
    animazioni e ricostruzioni grafiche che rendono più piacevole l’approccio alla
    conoscenza del bene”.
    Tra i tanti casi di studio è stata scelta come oggetto di
    lavoro la villa romana di Casignana, uno dei luoghi più estesi e storicamente
    significativi della nostra regione.  Il lavoro
    si è basato su indagine storiografica degli studi di settore, studio delle
    fonti, indagine sulle diverse tipologie edilizie rappresentante in Calabria.  La serata è stata solo un occasione per
    anticipare le tematiche affrontate nel corso della ricerca i cui esiti, è bene
    ricordarlo, saranno presentati ufficialmente a Crotone il 19 aprile.  un modo innovativo della fruizione dl bene
    culturale.

     

     

     

    Francesco Pizzimenti