• Home / CITTA / Processo Puma: chiesti 10 anni di reclusione per vice presidente Confindustria Calabria

    Processo Puma: chiesti 10 anni di reclusione per vice presidente Confindustria Calabria

    Dieci anni di reclusione: questa
    la condanna chiesta dal pm Pierpaolo Bruni per Raffaele Vrenna,
    vice presidente di Confindustria Calabria, presidente degli
    industriali crotonesi e presidente del Crotone Calcio, al
    termine della requisitoria nell'ambito del processo con rito
    abbreviato denominato Puma.
    L'inchiesta, condotta dalla Dda di Catanzaro, si riferisce a
    presunti rapporti tra politici, imprenditori e appartenenti a
    cosche della 'ndrangheta del crotonese.
    Oltre che per Vrenna, il pm ha chiesto la condanna a dieci
    anni di reclusione anche per l'ex assessore alla Forestazione
    della Regione Calabria, Dionisio Gallo, in carica nell'esecutivo
    di centrodestra della passata legislatura; per Giovanni Puccio,
    sindaco di Botricello, dei Ds; per suo fratello Giuseppe Puccio,
    ex assessore alla Provincia di Crotone, del Prc.
    Complessivamente sono 48 le richieste di condanna avanzate
    dal pm.