• Home / CITTA / Museo, il Preside di Architettura: “Scelta sconcertante ed inopportuna”

    Museo, il Preside di Architettura: “Scelta sconcertante ed inopportuna”

    Sulla decisione del Ministro Francesco Rutelli di trasferire reperti come il Kouros e la Testa di Basilea e Medma alla mostra che a breve sarà ospitata a Palazzo Te di Mantova registriamo l’intervento della Preside della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, Francesca Fatta. “Sto seguendo, come del resto tutti i reggini- commenta la preside Fatta- con vivo interesse la vicenda dello spostamento di opere di inestimabile valore da Palazzo Piacentini a Mantova. Ritengo sia sconcertante ed inopportuna questa scelta soprattutto perché è mancata la concertazione tra Ministero ed Amministrazione comunale senza dimenticare l’annuncio unilaterale degli Organi nazionali che non considerano rilevante la triade costituita dal progetto, dal territorio e dal patrimonio culturale ai fini del rilancio turistico. Il problema- prosegue la Fatta- non è rappresentato solo da una stagione turistica che viene, inevitabilmente, depauperata, ma, la decisione, sottolinea come Reggio Calabria non sia considerata dai vertici del Ministero una risorsa culturale importante. Condivido, assolutamente, la posizione assunta dall’Amministrazione comunale “scesa in campo” a tutela della città. Credo sia fondamentale riprogettare l’assetto della comunicazione culturale valorizzando i beni del nostro territorio. In quest’ottica, l’Università Mediterranea, in particolare la Facoltà di Architettura ed  i vari Dipartimenti si propongono di agire in questa direzione poiché è importante salvaguardare e valorizzare un patrimonio che appartiene all’intera Regione. Ritengo- ha concluso la preside di Architettura- che al centro della vicenda non vi sia  solo l’opportunità di  far conoscere i reperti   custoditi nel Museo della Magna Grecia come la Testa del Fiolosofo ma  l’assenza di quelle condizioni di reciprocità e,  per questa ragione è necessario concordare una efficace politica dei beni culturali”.