• Home / CITTA / Museo: il parere di Reggio Futura

    Museo: il parere di Reggio Futura

    Da Reggio Futura riceviamo e pubblichiamo 

    Dopo gli accorati appelli istituzionali da parte del Sindaco di Reggio Calabria, di tutto il Consiglio Comunale e di gran parte dell’opinione pubblica cittadina, riteniamo che la vicenda del Museo di Reggio Calabria stia passando in secondo ordine rispetto all’impegno e alla vicinanza di altri interlocutori istituzionali. L’intervento a “gamba tesa” del Ministro Rutelli, in merito al trasferimento di alcune tra le più importanti opere custodite presso il Museo Nazionale della Magna Grecia, alla mostra di Mantova, per un lunghissimo periodo espositivo, ci lascia di stucco. Reggio Futura, ad inizio febbraio, molto prima della riunione del Consiglio Comunale e subito dopo la lettera che il Sindaco Scopelliti inviò proprio al Ministro dei Beni Culturali, Francesco Rutelli, ha cercato di animare una costruttiva discussione, cercando di offrire il proprio contributo.L’intenzione era, e rimane, quella di non spogliare le sale di Palazzo Piacentini, proprio nel periodo di maggiore presenza turistica nella città, lavorando per uno scambio culturale, teso a promuovere le nostre bellezze archeologiche in altre realtà, creando allo stesso modo eventi locali per ricevere altrettanti opere da offrire alla vista dei visitatori. La campagna elettorale non c’entra per nulla in tutta questa discussione, chi è sceso per strada bloccando il trasferimento del “Kouros”, della testa di “Basile”, della testa del “Filofoso”, lo ha fatto per amore della città, con lo stesso spirito ideale messo in campo durante il referendum contro la clonazione dei Bronzi.Oggi chi mette in discussione questa civile protesta, come al solito, interviene tardivamente a “giochi già conclusi”, gli “amici di Rutelli”, dopo aver votato a favore della delibera comunale a tutela del Museo di Reggio Calabria, non hanno speso una parola per avviare una discussione o un tavolo tecnico. Abbiamo apprezzato l’atteggiamento e le dichiarazioni del Consigliere Comunale, Lamberti-Castronuovo, che ha evidenziato come questa sia una battaglia di civiltà per la tutela della città di Reggio e del suo patrimonio artistico-culturale, rafforzando anche quel principio di reciprocità negli scambi di reperti archeologici.Il turismo è la ricetta base per lo sviluppo del nostro territorio, non si può pensare di mettere in ginocchio questo comparto già al limite del collasso per via delle difficili condizioni del sistema viario, che impedisce un regolare arrivo in città. Occorre una reale coesione tra enti istituzionali, come ha affermato lo stesso Sindaco Scopelliti, nella sua ultima dichiarazione del 12 marzo. Non si può pensare che la sola Amministrazione Comunale sia in grado di reggere i pesanti ritardi e le colpevoli disattenzioni di altri soggetti pubblici, la stessa ristrutturazione del Museo di Reggio, con un controverso progetto di ammodernamento, appare solo un proclama da “campagna elettorale”.I fatti veri li vedremo da qui a breve, anche quando sarà inaugurata la nuova Pinacoteca Comunale, nelle elegantissime sale del Teatro Cilea, conviti che in quella occasione ci saranno restituiti tutti quei preziosi quadri “ospitati” nei musei di altre città. Aldo PorcelliPresidente Reggio Futura