• Home / CITTA / La ragioni di Reges

    La ragioni di Reges

    regesSulla vicenda-Reges giunge il punto esclamativo proprio da parte dell'Amministratore delegato Riziero Pozzi che interviene con un'esaustiva nota che pubblichiamo integralmente

     

    • Facciamo seguito al precedente comunicato stampa del 20 dicembre 2007 avente per oggetto informazioni relative all’avviso per la selezione di personale da assumere full-time e part-time   


    a tempo determinato ed indeterminato per la copertura di posti di impiegati ed operai, pubblicato in data 27 novembre 2007 avviso avente lo scopo di acquisire curriculum di potenziali candidati aspiranti all’assunzione;  

    • Come noto, vista l’elevata quantità di domande di ammissione, rispetto alle necessità di reclutamento della Società, la stessa ha incaricato primaria società specializzata (Adecco s.p.a.) di procedere alla selezione e formazione di una graduatoria dalla quale attingere in relazione ai punteggi maturati dai candidati sottoposti a colloquio 

     

    • Con riferimento al rispetto delle pari opportunità ed alla tutela delle categorie più deboli e/o protette si è ritenuto opportuno sottoporre a colloquio tutti i candidati diversamente abili indipendentemente dalle competenze/ esperienze precedenti

     

    • Non va inoltre dimenticato che il fabbisogno di risorse (n. 66 come previsto nel fabbisogno di risorse umane inserito nel budget approvato dall’organo amministrativo della società) è certamente limitato rispetto all’elevato numero di domande pervenute  così come al numero dei candidati in possesso dei requisiti indicati nell’avviso

     Comunichiamo alcuni dati relativi all’attività di selezione svolta dalla Società Adecco S.p.A. incaricata: 

    • Domande di ammissione pervenute (valide)                            n. 7.347
    • Curriculum vitae senza precedenti esperienze lavorative di alcun genere – non sottoposti a screening                                                 n. 2.836               
    • Curriculum vitae sottoposti a screening di candidati con precedente esperienza lavorativa (6 mesi negli ultimi 2 anni)                                      n. 4511
    • Profili ammissibili ma mancanti del requisito della precedente esperienza nel settore come indicato nell’avviso di selezione pubblicato                  n. 3980
    • Profili rispondenti ai requisiti richiesti

         (nell’avviso “candidature ritenute ammissibili”)                          n.   299  

    • candidati sottoposti ad intervista telefonica                                       n.   307

     oltre a  

    • candidati con profilo impiegatizio                                           n.  194
    • candidati con profilo operaio                                                 n.       8
    • candidati facenti parte delle liste

         per il collocamento categorie diversamente abili                       n.     90           tutti sottoposti a colloquio individuale Per la valutazione Adecco Italia ha utilizzato lo strumento dell’intervista strutturata definita BEI (Behavioral Event Intervierw). A tal fine Adecco Italia si è avvalsa di consulenti esperti in possesso di tutte le competenze e capacità necessarie al corretto svolgimento delle attività di selezione e valutazione del personale.  A conclusione dei colloqui, per ogni candidato è stata redatta una scheda di valutazione, in tale scheda la valutazione è stata espressa in punteggi.      Oltre ai dati, riteniamo valga la pena soffermarsi su alcuni aspetti che hanno caratterizzato le fasi della procedura che fin dal suo avvio si è correttamente ispirata a principi di legittimità in linea con la vigente normativa unitamente alle indicazioni dell’amministrazione comunale in ordine all’efficienza e alla trasparenza del procedimento stesso. pertanto un bando ad evidenza pubblica per la selezione del personale, nel caso di Re.g.e.s. S.p.A. così come per tutte le Società a capitale misto pubblico e privato oltre che non obbligatorio ai sensi della normativa vigente, sarebbe stato non adatto a soddisfare le esigenze di tempestività e professionalità tali da garantire la necessaria continuità operativa dell’azienda. In corso di procedura alla Società è stato notificato lo schema del codice per la “disciplina delle procedure di ricerca selezione e inserimento di personale” per le società, le aziende speciali e le altre società controllate o partecipate dal Comune di Reggio Calabria approvato dall’amministrazione. Dall’analisi dello schema abbiamo avuto conferma di aver operato fino a quel momento nel rispetto delle principali indicazioni dell’Amministrazione Comunale. Abbiamo altresì preso atto che non era possibile recepire integralmente tale codice in quanto lo stesso contiene alcuni punti non applicabili a Re.g.e.s. Ciò nonostante abbiamo convenuto sull’opportunità di proseguire nella procedura delle assunzioni di operai e impiegati uniformandoci al citato codice per quanto ritenuto compatibile e legittimo rispetto all’attività sociale nel rispetto anche di quanto previsto in ordine ai rapporti di parentela – affinità.   Infine, nel dichiarare e confermare la totale buona fede negli intenti che erano e sono alla base di questa procedura di selezione, vorrei precisare che l’inserimento nell’avviso del “titolo preferenziale” (aver prestato presso EEPP e/o società private, l’attività oggetto della selezione per almeno 6 mesi negli ultimi 2 anni) aveva lo spirito di scoraggiare la partecipazione massiccia limitando le candidature a quelle che il titolo lo possedevano, evitando di creare false aspettative per tanti giovani reggini. Vorrei pertanto, se del caso, scusarmi per il disagio causato a tutti gli aspiranti candidati esclusi, laddove l’avviso possa aver dato adito ad una non chiara comunicazione / interpretazione. Ciò nonostante sono certo che, vista anche la professionalità e serietà della società Adecco S.p.A., i soggetti che verranno assunti potranno garantire il buon andamento e l’efficienza dei servizi resi alla collettività reggina. In ultimo, al fine di tutelare l’immagine della Re.g.e.s., vorrei invitare ad un maggiore rispetto tutti coloro che sono soliti mettere sia la Società che il sottoscritto in cattiva luce con false affermazioni, illazioni e accuse apparse sui media rilevando in queste che ritengo palesi strumentalizzazioni, i profili della responsabilità penale.