• Home / CITTA / Guidolin: Ulivieri a Reggio sta facendo bene.

    Guidolin: Ulivieri a Reggio sta facendo bene.

    – PALERMO, 1 MAR – Per raggiungere al piu' presto
    quota 40 punti, nuovo obiettivo di stagione dopo il periodo nero
    di inizio 2008, il Palermo deve cominciare a vincere anche in
    trasferta. I nove punti fatti nelle ultime otto partite i
    rosanero li hanno raccolti tutti in casa con tre vittorie
    consecutive. L'occasione per vincere anche lontani dal proprio
    pubblico gli uomini di Francesco Guidolin l'avranno domani nella
    sfida al Granillo contro la Reggina.
    ''Domani proveremo a fare bene a Reggio Calabria – ha
    spiegato il tecnico rosanero – Abbiamo una gara difficile contro
    una squadra che cerca punti salvezza. Gli amaranto per spirito e
    qualita', determinata anche dal tecnico che secondo me sta
    facendo un buon lavoro, hanno la possibilita' di raggiungere il
    proprio obiettivo e mettere in difficolta' chiunque''. Se gli
    amaranto dovessero subire una sconfitta e mettere cosi' ancora
    piu' in dubbio permanenza in serie A, il primo a farne le spese
    potrebbe essere il tecnico reggino Renzo Ulivieri. ''Ogni
    allenatore – ha spiegato Guidolin – e' a rischio tutte le
    domeniche''.
    Nonostante la vittoria contro l'Empoli che ha rilanciato il
    Palermo nella corsa pe run posto in Europa, il tecnico veneto
    non vuole sentire parlare di Uefa. ''La priorita' resta quella
    di raggiungere prima possibile la quota 40 punti utili per la
    salvezza – ha ribadito nel corso della conferenza stampa
    giornaliera – In termini di comportamento e atteggiamento, ho
    notato ultimamente dei miglioramenti, speriamo di proseguire su
    questa strada. La gara contro la Reggina e' una prova utile per
    capire se siamo cresciuti veramente e per verificare se siamo in
    grado di continuare a fare passi avanti oppure no. Mi aspetto
    delle conferme sul piano della mentalita' che deve essere quella
    tipica di una provinciale. Significa non snobbare nessuno ed
    essere alla pari dell'avversario sotto l'aspetto della tensione
    agonistica. Una volta che la squadra riesce a competere da
    questo punto di vista, allora chi sara' piu' bravo emergera'''.
    La partita in programma domani ha un sapore particolare per
    l'attaccante Franco Brienza, che si e' trasferito a gennaio in
    Calabria dopo aver scritto pagine molto importanti della storia
    rosanero, dalla C al ritorno in serie A. ''Brienza gioca sempre
    bene – ha spiegato l'allenatore del Palermo – Terra' sicuramente
    a far bene anche domani. Sono contento di essere stato il suo
    allenatore nel primo anno di serie A del Palermo quando a mio
    avviso ha disputato la migliore stagione della carriera in
    termini sia di gol che di presenze. Nella scorsa stagione l'ho
    un po' sacrificato e riconosco che in determinate circostanze,
    soprattutto quando qualche giocatore accusava un calco di forma,
    avrei dovuto dargli piu' spazio. Cosi' Brienza ha fatto una
    richiesta precisa che era quella di andare altrove per giocare
    con continuita'. Credo che alla fine sia stato giusto cosi'''.
    In campo domani si potrebbe vedere ancora Rinaudo, autore di
    una buona prestazione contro l'Empoli, mentre a centrocampo
    spazio a Guana, che ha riposato mercoledi'. In avanti accanto ad
    Amauri ci dovrebbe essere Miccoli. 'Secondo me il turn-over e'
    necessario – ha spiegato il tecnico rosanero – perche' e'
    indispensabile dosare le energie quando ci sono impegni
    ravvicinati. Si gioca in pratica ogni tre giorni. Ruotare i
    giocatori, inoltre, serve a far sentire tutti importanti, a far
    si' che ogni giocatore abbia la consapevolezza di poter dare il
    suo contributo. Agendo in questo modo, tutti rendono di
    piu'''.(ANSA).