• Home / CITTA / Fossato: un successo la “gardenia dell’AISM”

    Fossato: un successo la “gardenia dell’AISM”

    «Un vero successo! Fossato ha dimostrato di avere un grande cuore che pulsa di solidarietà verso chi soffre». E’ con questa frase che Mimmo Pellicanò, presidente dell’associazione “I Fossatesi nel Mondo”, ha espresso tutto il proprio compiacimento per la buona riuscita della manifestazione “La Gardenia dell'AISM”. L’evento, che prevedeva la distribuzione di piantine di gardenia in cambio di un contributo a sostegno della ricerca contro la sclerosi multipla, quest’anno, grazie al supporto della nota associazione fossatese, si è potuto svolgere anche a Fossato Jonico. La caparbietà e l’impegno profuso da “I Fossatesi nel Mondo”, infatti, hanno permesso al piccolo centro preaspromontano di figurare fra le località scelte dall’AISM come cornice della manifestazione di beneficenza legata alla Festa della Donna. I volontari del sodalizio fossatese, che si sono cimentati in questa due giorni densa di impegni, alla chiusura dello stand di distribuzione si sono allontanati visibilmente stanchi, ma tangibilmente appagati e con lo sguardo colmo di soddisfazione per i risultati avuti. L’obiettivo prefissato è stato centrato. Nonostante il piccolo centro collinare, frazione del comune di Montebello Jonico, conti poco più di 1400 abitanti, tutte le 140 piantine consegnate dall’AISM sono state distribuite e gli incassi, grazie al sostegno e all’adesione della gente, sono stati superiori al previsto. «La partecipazione è stata massiccia – ha dichiarato un giovane volontario dell’associazione fossatese – e non sono stati rari i casi di persone venute fin qui, dai paesi limitrofi, per contribuire fattivamente a questa lotta per la vita». I fondi raccolti, una volta consegnati all’AISM, oltre a favorire lo sviluppo di nuove terapie su cui sono riposte le speranze di molte persone che giornalmente combattono contro la sclerosi multipla,  verranno utilizzati per  incrementare i servizi sanitari e sociali dedicati a coloro che soffrono di questo male.

    Fabio Macheda