• Home / CITTA / De Maio (Italia Popolare) auspica candidati moralmente credibili

    De Maio (Italia Popolare) auspica candidati moralmente credibili

    (ASCA) – Cosenza, 1 mar – ''La formazione delle liste per le
    imminenti elezioni politiche saranno un serio banco di prova
    per il nuovo Centro. Auspichiamo grande attenzione nella
    scelta dei candidati, evitando candidati di scarsa o
    compromessa credibilita', di non specchiata moralita', di
    comprovata inidoneita' politica e amministrativa. Il rinnovo
    della classe dirigente e' la richiesta prioritaria che
    proviene dall'elettorato e dall'opinione pubblica''. Lo
    afferma Alberto De Maio, coordinatore regionale per la
    Calabria di Italia Popolare, movimento promotore della Rosa
    Bianca, commentando positivamente l'accordo raggiunto tra
    Rosa Bianca e UDC per il prossimo voto di aprile. ''L'accordo
    tra Rosa Bianca e UDC – ha aggiunto De Maio – formalizza la
    nascita di un grande progetto politico, di valore storico,
    che, attraverso la Costituente di Centro, dara' vita ad un
    terzo polo che si contrappone alla rigidita' del bipolarismo,
    alla riduzione a duopolio della rappresentanza democratica e
    al rischio di ulteriore involuzione del sistema politico
    verso forme di potere personale ed oligarchico''.
    Secondo De Maio ''si apre ora una fase davvero nuova nella
    vita politica italiana, che dara' voce alla domanda
    fortissima di rinnovamento e di moralizzazione dei costumi e
    della politica, di moralizzazione del Paese, e di nuova
    classe dirigente responsabile e preparata. Va dato atto e
    merito a Pierferdinando Casini e all'UDC, a Savino Pezzotta,
    Alberto Monticone, Gerardo Bianco, Tabacci e Baccini –
    prosegue il coordinatore calabrese di Italia Popolare – di
    aver avviato un processo virtuoso di aggregazione di forze
    culturali e morali che si richiamano sia alla grande
    tradizione del pensiero cattolico e all'insegnamento sociale
    della Chiesa, sia ai filoni importanti della cultura laica e
    democratica''.