• Home / CITTA / Aspromonte LiberaMente: dalla Svezia con amore

    Aspromonte LiberaMente: dalla Svezia con amore

    svezia1Si è conclusa l'esperienza di "Aspromonte LiberaMente" in Svezia.

    Le riflessioni di un responsabile ci portano fin dentro le emozioni più profonde

     

    Eccomi qui di ritorno, dopo un viaggio fatto di stanchezza e interminabili attese, nella mia bellissima e adorata Calabria. Solo adesso, a mente fresca, riesco a dare il giusto peso all’impresa che noi ragazzi abbiamo compiuto. In un paese molto lontano,

     


    soprattutto culturalmente, siamo riusciti a trasmettere la nostra carica, la nostra determinazione, il nostro amore per l’ambiente, la natura, la nostra terra. Questa esperienza ci ha dato la possibilità di entrare in contatto con persone straordinarie, di culture e tradizioni molto diverse. Insieme a loro abbiamo avuto molti momenti di aggregazione, e oltre ai giochi, agli scherzi e alle risate, abbiamo passato molto tempo a riflettere sulle tematiche sociali e ambientali. È stata un’esperienza altamente formativa, nella quale i ragazzi si sono districati egregiamente, ricevendo elogi da tutte le delegazioni. Era questo il momento per crescere, lasciare da parte i residui di infantilità e prendersi tutti più responsabilità. Abbiamo destato ottime impressioni, svolgendo in modo straordinario tutti i compiti che ci erano stati assegnati. Sin dal nostro arrivo ad Anaset abbiamo assunto il ruolo di “animatori”; in tutte le circostanze i nostri ragazzi hanno trascinato le delegazioni in balli sfrenati e giochi di ogni genere, ma soprattutto ci sono state riconosciute grandi volontà, serietà e dedizione al lavoro. Abbiamo lavorato alacremente per rappresentare al meglio l’Italia ma soprattutto la nostra amata Calabria. Il nostro impegno è stato totale e i risultati si sono subito visti!!Durante la nostra conferenza “Water in Italy”, dopo una breve presentazione del progetto, sono stati proiettati i video che Aspromonte LiberaMente ha realizzato in questi anni di impegno sul territorio (sottotitolati in inglese) e che sono valsi riconoscimenti a livello nazionale. È stato fantastico vedere tutta quell’attenzione ed entusiasmo dei ragazzi stranieri!La nostra presentazione è durata circa 1 ora e 30 minuti ed è stata talmente interessante che al termine, le domande dei ragazzi incuriositi, si sono susseguite, toccando svariati temi come ambiente, inquinamento, rapporti sociali, malavita, ecc… I complimenti si sono sprecati e gli applausi sembravano interminabili, tanto da riempirci di orgoglio e da farci sentire soddisfatti per gli sforzi compiuti.Uno dei compiti prioritari di questo scambio culturale, patrocinato e finanziato dall’Unione Europea, riguardava la realizzazione di una scultura di ghiaccio. Nonostante le titubanze iniziali, dovute essenzialmente all’ignoranza verso un’attività a noi estranea, abbiamo proceduto a passo abbastanza spedito. Con strumenti solitamente non adatti a scolpire (seghe, cucchiai, coltelli) il nostro cubo prendeva sempre più forma. L’idea dell’opera aveva per noi un’importanza cruciale; era la rappresentazione dell’obiettivo che Aspromonte LiberaMente si è preposto sin dalla sua nascita. In sostanza, circondata dalle montagne aspromontane, si trova un ex-base USA di intercettazioni radio, in disuso e abbandonata a se stessa, sulla quale interviene Aspromonte LiberaMente, convertendola in qualcosa di utile per la società, l’ambiente, le scuole. La scultura è venuta proprio come l’avevamo immaginata, non esistono parole per spiegare la sua bellezza e il valore emotivo che trasmette (vedere per credere)!!!In tutto ciò in cui ci siamo cimentati, abbiamo fatto gran bella figura, anche il giorno del party italiano abbiamo regalato molti momenti di gioia e ricordi indelebili a tutte le delegazioni. Abbiamo preparato una cenetta prelibata: antipasto calabrese (rigorosamente piccantissimo), stroncatura con le alici e salsiccia con patate; perfino il cuoco è rimasto sbalordito dalla bontà della nostra cucina, e si è auto-invitato nella nostra regione. Dopo cena si è proceduto ai giochi: caccia al tesoro, quiz informativi sulle bellezze e i prodotti tipici calabresi, gioco della bandiera, ecc…e come corollario della splendida serata tanta tanta tanta tarantella!!!Ancora una volta, l’unita del gruppo ha dato frutti altamente positivi e in noi è accresciuta la voglia di dimostrare il nostro valore, di essere considerati come risorse per il futuro!Ci sono state riconosciute abilità e qualità importanti su cui credo sarebbe bene investire perché il futuro siamo noi giovani!Insomma, la nostra partecipazione, può rendervi orgogliosi, abbiamo esportato la faccia più felice, spensierata e pulita della Calabria. Siamo stati scelti come voce rappresentativa del nostro paese: con il sorriso sulle labbra abbiamo dimostrato che il nostro progetto ha delle fondamenta solidissime, ha gente impegnata e volenterosa, e che nonostante le avversità, lo scarso interessamento delle autorità locali e nazionali, i sabotaggi, i dispetti e le mancanze di attrezzature noi NON MOLLIAMO e continueremo a lavorare con tutte le forze per una Calabria migliore. Perché “QUESTA TERRA E’ LA NOSTRA TERRA” e ci siamo stufati di vederla impoverire e degradare. Siamo già stati invitati a portare le nostre conoscenze e abilità in altri 2 paesi (Estonia e Francia): che considerazione hanno di noi! che fiducia nutrono nei nostri ragazzi questi “quasi sconosciuti”! È molto strano soprattutto se si paragona alla totale impassibilità e irriconoscenza che le nostre istituzioni dimostrano!!!!!Concludo queste mie riflessioni con un sogno per me fantastico. Pensavo che sarebbe bellissimo avere la possibilità di ospitare noi uno scambio culturale; con le bellezze dei nostri mari e delle nostre montagne sarebbe un sogno indimenticabile per tutti i ragazzi. Dalla base di monte Nardello, paradiso naturale sull’Aspromonte, il progetto scolastico “Aspromonte LiberaMente” presenta: International Youth Exchange 2009. Potrebbe essere solo un sogno ma potrebbe diventare anche realtà. In fin dei conti, senza sogni che si vive a fare!?!?!?!?IO CI CREDO, NOI CI CREDIAMO, E TU???   

    VINCENZO SANTORO