• Home / CITTA / Anno Accademico, Romeo: “Legalità anche nella gestione della cosa pubblica”

    Anno Accademico, Romeo: “Legalità anche nella gestione della cosa pubblica”

    Alla sua prima inaugurazione dell’anno accademico, Antonio Romeo, già responsabile del servizio di comunicazione d’Ateneo, è direttore amministrativo dall’ottobre 2007.

    “Parlare di legalità – ha cominciato Romeo – significa seguire con fermezza la strada della gestione trasparente della cosa pubblica improntata ai criteri di correttezza e moralità”. Ma è sul piano del bilancio economico che la strada per gli atenei italiani si fa salita. Un percorso impervio anche per la Mediterranea. Nella relazione di Romeo punto centrali la cittadella universitaria, una struttura che ancora non ha un’identità definita ma che sta prendendo corpo negli ultimi anni con l’apertura di nuovi spazi per le attività didattiche, di ricerca e per l’aggregazione sociale e culturale. Passaggio importante dell’intervento del direttore amministrativo la Casa dello Studente. Agli 8 milioni di euro varati dalla Giunta Loiero, si apre la possibilità di accedere ai fondi di un Bando Miur destinato a completare l’edificazione del residence e di migliorarne i servizi mancanti. Snocciola dati e cifre Antonio Romeo per delineare il quadro di un ateneo che oggi conta 10.000 studenti. Di questi ogni anno se ne laureano 1185, a fronte di 2417 immatricolazioni. E se per Almalaurea il gradimento dei percorsi formativi è del 68%, pari alla media nazionali, le valutazioni degli iscritti sulla qualità dei docenti è dell’83,8% contro l’81,9 % del resto del paese.

     

    Emanuela Martino