• Home / CITTA / Ad Altafiumara tour operator a confronto

    Ad Altafiumara tour operator a confronto

                                                         altafiumaradi Emanuela Martino 

    Ancora un appuntamento con la promozione turistica e la valorizzazione delle potenzialità di Altafiumara per il gruppo Montesanohotels. A Santa Trada una due giorni dedicata ai principali tour operator della Calabria e della Sicilia per far scoprire le bellezze della Costa Viola e incrementare il flusso di visitatori nella provincia di


    Reggio Calabria. Il Gran Galà organizzato al ristorante “Le vele” del Castello è stata anche un’occasione per fare un bilancio delle attività del gruppo. Reduce dall’importante riconoscimento come miglior 5 stelle d’Italia, premio conferito dall’Isnart, l’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, in sinergia con le Camere di Commercio Nazionali, Altafiumara ha già siglato per il 2008 due significative presenze, a Salerno per Fareturismo, l’evento dedicato alla formazione, al lavoro e alle politiche turistiche, e a Roma al Globe08, la Fiera internazionale sul business nel settore alberghiero.  “L’iniziativa dedicata ai tour operator- ha avuto modo di spiegare Silvia Parra, al vertice della Direzione Marketing del Gruppo Montesano – è un’iniziativa che abbiamo già consolidato lo scorso anno con agenzie del Nord e Centro Italia. Oggi la nostra politica commerciale è orientata nell’incentivare ancora di più i soggiorni legati ad eventi congressuali e a soddisfare le richieste di soggiorno collegate con le attività di formazione e  di incentive proposte ai propri dirigenti dalle aziende italiane di ogni settore”. Una struttura, quindi, non solo idonea per le vacanze, ma anche finalizzata ad offrire le giuste opportunità di relax tra un’esperienza formativa o di aggiornamento e l’altra. In una valutazione complessiva che coinvolge il terziario e le possibilità di farne il tanto auspicato volano di sviluppo per la provincia reggina, restano tuttavia alcuni aspetti da migliorare. Le sinergie tra pubblico e privato, innanzitutto, la possibilità di fruire delle infrastrutture per facilitare gli spostamenti dei turisti desiderosi di conoscere il più possibile la realtà ospitante e soprattutto servizi di trasporto efficienti. Per fare un esempio concreto, per quanto una struttura ricettiva, come lo stesso Castello di Altafiumara, possa offrire pacchetti soggiorno a prezzi competitivi, lo sforzo dell’impresa si annulla se i costi di trasferimento aereo sono di fatto pari, se non superiori, alla spesa proposta per i giorni di vacanza. Valutazioni note ai più, per le quali servono azioni concrete. Ma Altafiumara non è solo pernottamento e relax, con il centro benessere Notos, e divertimento, con il mini campo da golf, è anche gastronomia. E gli ospiti di sabato ne hanno avuto una prova con le specialità proposte dallo chef Salvatoriìe Turrisi. Tre le portate della cena di Gala a partire da un antipasto di melanzane servite con formaggio fuso e fettine di pomodori. Effetto ottico assicurato anche per il riso agli asparagi con scaglie di mandorle, incastonato in un “vaso” di cialda di Grana Padano. E poi un secondo a base di pesce, con ricciola adagiata su una fettina di patata grigliata accompagnata da pomodori e cavolfiore. Un menu elegante e senza strafare concluso con un sorbetto di mandarino e foglia di menta e dessert con tris di mattonella di cioccolato, tiramisù in tazzina da caffé e crema in cucchiaio. Un peccato che anche le specialità culinarie non potranno essere “trasportate”, dal responsabile vendite del Gruppo Nino Aricò,  alla BMT 2008 di Napoli. La Borsa Mediterranea del Turismo dal 4 al 6 di aprile, evento in cui saranno allestiti ben quattro padiglioni dedicati al workshop incoming, al workshop incentive & congressi, al workshop turismo sociale e al workshop montagna sport e benessere.