• Home / CITTA / Sequestro beni operato dalla Polizia

    Sequestro beni operato dalla Polizia

    Nei giorni scorsi personale della DIVISIONE POLIZIA ANTICRIMINE – Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Reggio Calabria collaborato da personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro ha proceduto all’esecuzione del sequestro dei beni nei confronti di VALENZISI Giuseppe, nato a Polistena (RC) 12.12.77 residente Rosarno (RC), ritenuto affiliato alla cosca mafiosa “BELLOCCO” operante in Rosarno (RC) e comuni limitrofi. Il provvedimento di sequestro è stato notificato al VALENZISI presso la casa circondariale di Palmi (RC), dove si trova ristretto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere n.4191/05 RGNR emessa il 03.01.08 dal G.I.P. presso il Tribunale di Milano poiché ritenuto responsabile di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanza stupefacente. Le indagini di natura patrimoniale condotte dalla DIVISIONE POLIZIA ANTICRIMINE – Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Reggio Calabria hanno evidenziato il ruolo di vertice occupato all’interno dell’associazione dal VALENZISI che, in prima persona, acquistava e trasportava grossi quantitativi di sostanza stupefacente tra il nord Italia, in modo particolare dalla provincia pavese, e la Calabria. Il VALENZISI provvedeva anche alla distribuzione al dettaglio della sostanza stupefacente, facendosi collaborare in questa attività dal padre Domenico cl.’46, dalla madre CALIMERA Rita cl.’57 e dalla sorella Anna cl.’76, utilizzando quale luogo di spaccio sia la propria abitazione che l’esercizio commerciale di forno e panetteria sito in Rosarno (RC) e gestito dai suoi familiari, sequestrato dal Tribunale M.P. con il citato decreto.In particolare sono stati sequestrati:n    Panetteria con sede in Rosarno (RC) via Nazionale;n    n.4 autovetture intestate a CALIMERA Rita e VALENZISI Luciano, rispettivamente madre e fratello di Giuseppe;n     conti correnti e depositi a risparmio intestati a VALENZISI Giuseppe e familiari conviventi.Il valore del patrimonio sequestrato supera i 150.000,00 euro.