• Home / CITTA / Scopelliti a Petrucci: “Reggio e la Reggina meritano rispetto”

    Scopelliti a Petrucci: “Reggio e la Reggina meritano rispetto”

    “La città merita rispetto e per questo motivo chiediamo maggiore attenzione nei confronti della nostra massima espressione sportiva, la Reggina Calcio, che da otto anni milita con merito nel campionato di serie A di calcio”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti nel suo intervento presso la Sala Versace del Centro Direzionale, nel corso dell’incontro per la firma della convenzione tra il Comune e il Coni per l’istituzione della prima Scuola dello Sport della Calabria che sarà realizzata in riva allo stretto. Il Primo Cittadino, rivolgendosi al presidente del Coni Gianni Petrucci, definendolo “il Garante dello sport in Italia” ha chiesto che “la squadra amaranto possa giocare ad armi pari con le altre compagini senza essere ingiustamente penalizzata dagli arbitri che, secondo una classifica di ‘torti’ subiti, stilata dalle più importanti testate giornalistiche italiane, avrebbe molti punti in meno in classifica per via di episodi che hanno condizionato diverse gare dell’attuale campionato, non avendo mai avuto concesso un calcio di rigore, alcuni giudicati chiarissimi da tutti i ‘moviolisti’, mentre contro ne ha avuti assegnati ben sei, dei quali alcuni molto discutibili”. Scopelliti, ringraziando Petrucci “per l’attenzione dimostrata ancora una volta nei confronti della città con l’idea della creazione della Scuola Calabrese dello Sport proprio a Reggio, totalmente sposata dall’Amministrazione Comunale che ha individuato la struttura al quartiere Gallina, grazie alla disponibilità dell’Università Mediterranea che ha accettato di trasferire la facoltà di Agraria” ha chiesto che “il presidente Petrucci, che ha dato tanto e continuerà a dare tanto allo sport italiano, si faccia garante delle richieste di un’intera città che vuole continuare a giocarsi correttamente, con le sue forze e senza ingiustizie, un posto per la massima serie del prossimo anno”. (Roto San Giorgio)