• Home / CITTA / “Why not”, secondo Panorama nel mirino campagne elettorali del centrosinistra

    “Why not”, secondo Panorama nel mirino campagne elettorali del centrosinistra

    L'inchiesta Why Not della Procura Generale di Catanzaro si sta concentrando sempre di piu' sulle campagne elettorali delle regionali del 2005 e delle politiche del 2006 e sulla 'rete' di personaggi che avrebbe garantito i successi del centrosinistra di Romano Prodi. Lo rivela l'inchiesta di 'Panorama', da domani in edicola. "Tra le carte sequestrate al presidente della Regione Calabria Agazio Loiero,- scrive in settimanale in un'anticipazione – accusato di corruzione, ci sarebbe anche un elenco di somme di denaro e relativi donatori che il governatore dovra' giustificare ai pm nei prossimi giorni. Intanto, i flussi di soldi riconducibili alla rete portano sempre piu' decisamente verso la Repubblica di San Marino. Gli investigatori stanno cercando conferma alle testimonianze che raccontano di scambi di fatturazioni sospette tra alcune societa' sotto indagine (per esempio la Met Sviluppo) e la Pragmata di Piero Scarpellini, vecchio amico di Prodi e consulente non pagato di Palazzo Chigi per le questioni africane. Presto – annuncia l'articolo – dovra' essere ascoltato l'amministratore unico della Pragmata, Claudia Mularoni. Secondo quanto rivela 'Panorama', pero', a interessare gli investigatori non sarebbe solo la Pragmata srl, fondata nel 2000, ma anche la meno pubblicizzata gemella Pragmata sa (societa' anonima, di cui non e' possibile conoscere i soci), costituita nel 1995 da una costola della Nomisma, centro ricerche fondato da Prodi. La Pragmata sa nel 2005 ha cambiato nome ed e' diventata la Perspective. Gli inquirenti sono interessati anche agli affari della Teresys foundation, ideata da Scarpellini, e dal Laboratorio democratico europeo il cui presidente e' il deputato Sandro Gozi e nel cui comitato esecutivo c'e' proprio Mularoni". (AGI)