• Home / CITTA / “Why not”, Coinvolto anche On. Sandro Gozi (Pd)

    “Why not”, Coinvolto anche On. Sandro Gozi (Pd)

    Nell'inchiesta Why Not e' coinvolto anche l'onorevole Sandro Gozi, parlamentare del Pd, indicato dai magistrati come consigliere politico del Presidente della commissione europea, Jose' Manuel Durao Barroso. Gozi, dal luglio 2006, e' anche consigliere del presidente del consiglio dei ministri, Romano Prodi (anch'egli indagato nell'inchiesta), e dal giugno 2006 componente della commissione affari costituzionali della Presidenza del consiglio dei Ministri. Sandro Gozi, secondo quanto emerge dal decreto di perquisizione delle abitazioni di Loiero, avrebbe avuto rapporti con il leader della compagnia delle Opere in Calabria, Antonio Saladino. Dopo le l'elezione regionali del 2005 su richiesta di Saladino e Gozi il presidente Loiero avrebbe ''assegnato ad una funzione cruciale – sostiene la Procura generale – per gli interessi di Saladino una persona legata ad entrambi'' cioe' Francesco De Grano che viene appunto nominato dirigente degli affari internazionali presso la Regione Calabria. ''Un ruolo – sostiene ancora l'accusa – di determinante incidenza nella gestione dei fondi pubblici anche di origine comunitaria, tanto appetiti dal Saladino''. De Grano pur rivestendo un ruolo istituzionale nella Regione avrebbe partecipato a delle riunioni nel corso delle quali si ''decideva quale poteva essere – sostiene la Procura Generale di Catanzaro – lo strumento piu' utile, meno passibile di controlli, per la distrazione in favore del Saladino di fondi pubblici. Fu proprio De Grano poi a suggerire la cosituzione di una Fondazione che fu chiamata 'Need ricerca srl'''. (ANSA).