• Home / CITTA / “Provenzano? Io sono Pasquale Condello”

    “Provenzano? Io sono Pasquale Condello”

    arrestocondello2Pasquale Condello, il Supremo non ha affatto gradito il paragone, seppur illustre dal punto di vista criminale, con Bernardo Provenzano.

    "Io sono solo e soltanto Pasquale Condello", avrebbe detto agli inquirenti con tono fermo, ma forse un po' risentito. Più volte nei giorni dopo la cattura Condello è stato definito "il Provenzano calabrese", ma, evidentemente, tale parallelo non è stato gradito.

    Anche il termine pizzino, utilizzato per indicare gli appunti


    scritti a mano dal boss e trovati in una cassaforte a muro nell'appartamento dove e' stato arrestato, non e' piaciuto al boss: esso era stato infatti coniato dopo la cattura di Provenzano e l'ingente mole recuperata all'interno del casolare dove aveva trascorso la latitanza.

    Del resto, il concetto di "calabresità", al quale più volte hanno fatto riferimento i boss della 'ndrangheta catturati, avrebbe potuto lasciare presagire una reazione come quella che avrebbe avuto Pasquale Condello, il Supremo.