• Home / CITTA / Ospedali Riuniti, donati cinque pc: allevieranno la degenza dei bambini

    Ospedali Riuniti, donati cinque pc: allevieranno la degenza dei bambini

    Cinque computer per dare speranza e conforto ai bambini ricoverati presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria.

    La Spartivento Group Spa ha infatti donato cinque pc portatili che avranno il compito di alleviare la degenza dei bambini ricoverati presso il Centro Trapianti degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria e presso i reparti di Ematologia e Pediatria dello stesso nosocomio reggino. I computer portatili sono dotati di modem incorporato, ma anche di connessione wireless: due pc sono destinati al reparto di Ematologia e due a quello di Pediatria, mentre un apparecchio arricchirà il Centro Trapianti diretto dal dottor Pasquale Iacopino che si dice soddisfatto perché questi strumenti “tolgono i piccoli pazienti dall’isolamento in cui sarebbero altrimenti confinati. Si tratta di una lodevole iniziativa – prosegue Iacopino – che va a corroborare la situazione del Centro Trapianti, all’interno del quale ogni stanza è fornita di connessione internet. I bambini sono speciali e per questo vanno tutelati, hanno bisogno di sentirsi parte di un ambiente confortevole, in questo modo possono dare tanto anche a chi lavora all’interno delle strutture I bambini sono molto forti, a differenza di quanto si possa immaginare. Questo di oggi è un altro tassello – conclude Iacopino – che ci viene dal mondo del volontariato che arricchisce tutta questa città”.

    Stefano Pizzi, Amministratore Delegato della Spartivento Group Spa, la società che oltre ai pc ha donato anche una stampante laser, ha specificato come i computer “possano servire ai bambini per interagire con scuola e famiglia, ma anche per semplice svago”. Soddisfazione è stata espressa anche dal professor Marcello Casile, della scuola primaria degli Ospedali Riuniti, il quale punta il dito sull’aspetto psicologico: “Questi strumenti saranno di fondamentale importanza per distrarre i giovani pazienti dalla degenza”. All’incontro partecipa anche la professoressa Carmela Mancuso, dirigente della scuola Pascoli che comprende il plesso centrale, San Giovannello, Reggio Campi e la scuola ospedaliera nata nel 1997.

    A conclusione della conferenza stampa illustrativa, l’intervento del direttore generale dell’azienda ospedaliera, Leo Pangallo, che ha coordinato tutti gli interventi: “La sanità calabrese – afferma Pangallo – non gode in questo periodo di buona stampa. Queste iniziative ci dimostrano, però, che c’è attenzione verso la sanità e verso gli Ospedali Riuniti. Credo sia di fondamentale importanza – conclude Pangallo – coinvolgere maggiormente gli imprenditori reggini che, con la loro generosità possono fare davvero tanto. Per questo chiedo l’attenzione della stampa per sollecitare la società civile ad essere sensibile a queste realtà”.

    Claudio Cordova