• Home / CITTA / Movimento donne di San Luca: incontro col Prefetto

    Movimento donne di San Luca: incontro col Prefetto

    Si è svolto in Prefettura l’incontro tra il Prefetto Dott. Musolino ed il Movimento Donne San Luca, al quale hanno partecipato anche il Vice prefetto Dott. Priolo, il Sindaco del paese, Avv. Mammoliti, e la dott.ssa Canale Presidente del Movimento.

    Dopo un breve saluto il Prefetto,  ha introdotto la conversazione esprimendo la sua totale disponibilità affinché questo sia l’inizio di un nuovo ed autentico dialogo tra i cittadini di San Luca e ciò che intendiamo “i rappresentanti dello Stato”. La voglia di approfondire una forma di conoscenza tra le parti che agevoli gli interventi da compiere, attraverso la consapevolezza delle diverse esigenze e delle singole necessità. Ha poi dato spazio a tutte le signore ad intervenire singolarmente e liberamente su quelle che sono le problematiche e disagi che si vivono quotidianamente all’interno della comunità sanluchese.

    L’atmosfera era molto distesa e di grande partecipazione ed attenzione alle parole delle singole, che hanno espresso, per lo più, con molta naturalezza, disagi comuni.

    Uno dei temi più discussi è stato quello dell’occupazione, fonte di grandi problematiche e causa anche di molte deviazioni.

    La Dott.ssa Canale ha preso la parola, sottolineando la necessità di valorizzare  le numerose competenze presenti in paese, sia sotto il punto artistico creativo sia a livello artigianale sartoriale.

    “Lo Stato a San Luca non può essere solo rappresentato dalla presenza dell’esercito, ma necessitano interventi concreti che ridiano fiducia nelle istituzioni, che per troppo tempo hanno un po’ dimenticato, se non per le mattanze, il paese di San Luca.” Tre i progetti che il Presidente ha presentato al Prefetto: la ludoteca di imminente apertura, una struttura ricettiva che sarà centro di congregazione per tutti i ragazzi del paese e sede di attività artistico  creative, musicali e culturali. Il consultorio familiare con medici specialisti a disposizione della gente, per favorire sia la prevenzione sia per aiutare l’apertura al dialogo. Il terzo progetto quello più ambizioso, è la realizzazione di un laboratorio sartoriale che darà occupazione a molte donne del paese.

    Particolarmente emozionante è stato l’intevento della signora Teresa Giorgi, madre di Francesco, il ragazzino di 17 anni ucciso nella strage di Ferragosto, che ha perdonato gli assassini del figlio. “San Luca ha voglia di cambiare, e questa ne è una prova importante. E’ stata toccata l’innocenza e adesso tutte le madri devono dire basta.”

    L’incontro si è concluso con la visita del gruppo alla sala delle feste della Prefettura, dove il Prefetto si è impegnato a ospitare la prima sfilata degli abiti prodotti dalla sartoria che si realizzerà a breve. Un impegno di collaborazione e di sostegno ai progetti in cui le signore credono. Tutte.