• Home / CITTA / I risultati dell’appuntamento “Mare d’inverno”

    I risultati dell’appuntamento “Mare d’inverno”

    Dall'associazione di protezione ambientale Fare Verde, riceviamo e pubblichiamo:  

    Il “mare d'inverno" è l'appuntamento di Fare Verde per ricordare a tutti che il mare e le spiagge, con i loro problemi, esistono per dodici mesi all'anno e non solo durante il periodo estivo.

    Il mare d'inverno è il nome che Fare Verde ha scelto per la sua iniziativa di pulizia dei litorali italiani che si svolge ogni anno nel periodo iveranle perché proprio come cita la nota canzone di Enrico Ruggieri, "Il mare d'inverno è un concetto che il pensiero non considera".
    Ogni anno su spiagge e litorali troviamo rifiuti abbandonati da turisti incivili sul finire dell'estate o restituiti dal mare, che ci riconsegna gli oggetti che riempiono il nostro vivere quotidiano e che provengono da città distanti anche centinaia di chilometri dalle coste: lattine, bottiglie, prodotti usa e getta ed un campionario infinito di materiali non biodegradabili.
    "Il mare d'inverno" è anche l'occasione per verificare lo stato di salute dei nostri litorali, le cause del loro inquinamento e per stilare il consueto censimento dei rifiuti più invadenti

    Per il secondo anno consecutivo la sezione reggina di FareVerde Onlus nella giornata del 3  febbraio 2008 ha preso parte all’iniziativa nazionale mobilitando i propri volontari, armati di rastrelli, guanti,mascherine,ecc, fornite dalla società LEONIA s.p.a., scegliendo come sito un tratto della spiaggia della Via Marina, esattamente quella che, fino a qualche tempo fa, ospitava la statua della “Fata Morgana”

    Nell’arco della mattinata i lavori di recupero e suddivisione dei rifiuti per tipo è stato frenetico infatti sono stati, alla fine della mattinata, raccolti più di quindici sacchi della spazzatura contenenti per lo più plastica in ogni forma: dalle bottiglie di plastica alle buste di plastica, dalle sedie di plastica ai flaconi di detersivi sempre di plastica; per quanto concerne il vetro si è ritrovato una massiccia presenza di bottiglie di vetro di varie grandezze, pezzi di scatoloni per uso imballaggi, cicche di sigarette ed anche diverse siringhe monouso prive del relativo cappuccio di sicurezza.

    Per quanto riguarda i rifiuti ingombranti è stato ritrovato in particolar modo uno scaldabagno arrugginito e delle lunghe e pesanti travi sia di legno che di ferro, quest’ultime arrugginite, alcune delle quali unite fra loro per mezzo di appuntiti chiodi anch’essi arrugginiti; molto probabilmente tali ritrovamenti sono da attribuire ai lidi che, nel periodo estivo, vengono costruiti sopra per allietare le giornate, e soprattutto le serate, dei reggini. Si vuol anche portare all’attenzione il ritrovamento di un tubo dell’acqua in superficie dal quale fuoriesce in grandi quantità dell’acqua.

    Si vuole anche ringraziare la società ROM 1995 per la loro opera di recupero e smaltimento dei rifiuti ingombranti ed infine un sentito ringraziamento all’assessorato alle politiche ambientali e quindi all’assessore Antonio Caridi per la proficua collaborazione volta alla buona riuscita della suddetta manifestazione incoraggiandolo ulteriormente nell’opera di recupero e di difesa anche di queste zone bellissime, nel centro cittadino, della nostra beneamata citta’.