• Home / CITTA / Catanzaro, UGL Sanità preoccupata per carenza di personale ASP

    Catanzaro, UGL Sanità preoccupata per carenza di personale ASP

    Dall' UGL Sanità riceviamo e pubblichiamo 

    L’UGL sanità è fortemente preoccupata per la grave carenza di organici all’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro. I servizi che dobbiamo fornire per rispondere al bisogno di salute dei cittadini passano attraverso il potenziamento tecnologico, il potenziamento degli organici sanitari e la formazione. Da queste priorità non possiamo prescindere e tutti dobbiamo collaborare.

    Le polemiche che alcuni sindacati aziendali hanno aperto nei giorni scorsi, non ci vedono d’accordo. E’ giusto che i sindacati adottino la norma “principe” che è il rispetto della normativa e nel momento in cui questa viene violata bisogna adottare tutte le forme di denunzia che la legge ci mette a disposizione. L’articolo diffuso a mezzo stampa da alcuni sindacati non presenta le caratteristiche d’innanzi descritte. Non emerge quali norme siano state violate. Si nota, al contrario, una vena di polemica gratuita sulla gestione delle procedure di bando pubblico per i concorsi del personale a tempo determinato. Bisogna ricordare che qualche giorno fa si è tenuta una riunione nella direzione generale dell’ASP  stimolata da una sigla sindacale per discutere delle procedure concorsuali adottate dall’azienda. In quella sede il Direttore del Dipartimento Amministrativo Ferdinando Cosco ha ribadito che prima di intraprendere la fase esecutiva dei bandi pubblici per le assunzioni a tempo determinato, vi era la necessità di condivisione del regolamento di attuazione delle procedure concorsuali. L’UGL in quella sede ha condiviso sia la metodologia che il bando pubblico per titoli e colloquio. Infatti il possesso dei titoli, spesso solo di servizio, non offrono alcuna garanzia sulla professionalità da assumere. Il colloquio, che verrà tenuto da una commissione dove vi sono dei direttori di unità operativa complessa attinenti la materia del concorso, sarà la giusta verifica della conoscenza professionale del candidato. Questa modalità di procedere adottata dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro, squarcerà l’oscuro “buio delle stanze”, accendendo il potente faro della “democrazia partecipata”.