• Home / CITTA / Why not, Pg Catanzaro: “Spazzate via ombre”

    Why not, Pg Catanzaro: “Spazzate via ombre”

    "L'avocazione e' uno strumento tecnico per dare trasparenza al procedimento, che quando e' arrivato si presentava complesso e confuso e coinvolgeva piu' accuse. C'e' stato quindi bisogno di una valutazione ed ora quattro magistrati sono impegnati per recuperare concretezza e razionalita' all'indagine. Sono state spazzate via le ombre". Lo ha detto il procuratore generale di Catanzaro, Vincenzo Iannelli, nel corso del suo intervento all'inaugurazione dell'anno giudiziario del distretto di Catanzaro, a proposito dell'inchiesta "Why not", aperta dal pm Luigi De Magistris contro una presunta organizzazione che avrebbe gestito illecitamente fondi comunitari e nazionali destinata alla Calabria, e che vede tra i numerosi indagati anche Romano Prodi e Clemente Mastella. L'inchiesta, dopo l'iscrizione dell'allora guardasigilli Mastella nel registro degli indagati venne poi avocata dal procuratore generale facente funzioni, Dolcino Favi. Iannelli ha poi aggiunto che "la mole di lavoro di cui l'indagine e' costituita e' superiore alla forza di un singolo magistrato, quindi e' stato necessario richiamarsi al valore della collegialita' anche per l'ufficio del Pm". (AGI)