• Home / CITTA / Processo Fortugno, Vice Questore: “Non sono stati coinvolti i servizi segreti”

    Processo Fortugno, Vice Questore: “Non sono stati coinvolti i servizi segreti”

    Nell'inchiesta
    sull'omicidio Fortugno non sono stati coinvolti i servizi
    segreti. Lo ha detto, in occasione dell'udienza odierna del
    processo a carico dei presunti responsabili della morte del
    vice presidente del Consiglio regionale calabrese assassinato
    il 16 ottobre del 2005, il Vice Questore aggiunto Fausto Vinci,
    coordinatore dello Sco in missione a Locri. Alla domanda
    dell'avvocato Eugenio Minniti, difensore di Domenico Audino,
    ritenuto fiancheggiatore del commando che uccise l'uomo
    politico, Vinci ha riferito di non aver mai saputo di un
    coinvolgimento dei servizi segreti nel corso delle indagini da
    lui coordinate in collaborazione con la Squadra Mobile di
    Reggio Calabria e col Commissariato della Polizia di Siderno.
    Il funzionario ha ribadito di aver sempre inoltrato la
    documentazione direttamente alla Procura della Repubblica di
    Reggio Calabria. In apertura di dibattimento stamane si e'
    avuta una dichiarazione spontanea di Giuseppe Marciano',
    presunto mandante del delitto insieme col padre, Alessandro,
    caposala dell'ospedale di Locri, in merito ad una scheda
    telefonica che era nella sua disponibilita'. Nell'udienza di
    ieri era emerso che la scheda risultava intestata a persona
    sconosciuta. Marciano' oggi ha dichiarato, in videoconferenza,
    che la sim card era utilizzata per motivi di lavoro e che su
    quell'utenza aveva ricevuto diverse telefonate- anche da agenti
    di Polizia- che gli richiedevano abbigliamento sportivo.
    Giuseppe Marciano' si occupava, infatti, di vendita di articoli
    sportivi. Lo stesso numero di telefono, ha precisato, era stato
    inserito nel logo applicato sulla maglietta utilizzata per una
    partita di calcio per fini di beneficenza a Locri dove, tra gli
    altri aveva giocato la squadra rappresentativa del Tribunale di
    Locri. (AGI)