• Home / CITTA / Incidente A3, “La destra” attacca l’Anas

    Incidente A3, “La destra” attacca l’Anas

    Da Antonello Lombardo, della segreteria de "La destra", riceviamo e pubblichiamo 

    Il tratto di autostrada a doppio senso di marcia tra Bagnara e Scilla  ha mietuto la prima vittima e provocato due feriti gravi, gettando nella disperazione i congiunti dei tre poveri sventurati.
    Con questo incidente mortale, vengono al pettine i nodi sulla pericolosità di quel lotto interessato dai lavori di ammodernamento.
    Con le sue continue visite nella nostra città, il massimo dirigente dell’Anas, Dottor Pietro Ciucci, aveva rassicurato gli utenti sulla sicurezza dell’A3.
    Purtroppo, è stato tristemente smentito: è bastato che un camion invadesse la corsia opposta per spezzare una vita umana e paralizzare il traffico da S. Elia a Scilla.
    Chi percorre quotidianamente  l’A3 per lavoro sa benissimo che la sera rischia seriamente di non fare ritorno a casa, in quanto non esiste una corsia d’emergenza e basta un colpo di sonno, una manovra azzardata per perdere la vita.
    Sarebbe opportuno che questa tragedia facesse riflettere i vertici dell’Anas, impegnati, in questi giorni, a spedire nelle case dei reggini opuscoli che magnificano l’opera senza specificare la fine dei lavori e dimenticando i rischi a cui sono sottoposti gli sventurati automobilisti.
    Prof. Antonello Lombardo
    Componente segreteria prov. “La Destra”