• Home / CITTA / Crotone, Carabinieri sequestrano armi e munizioni

    Crotone, Carabinieri sequestrano armi e munizioni

    I carabinieri della compagnia di
    Petilia Policastro, centro del Crotonese, hanno scoperto un
    quantitativo di armi clandestine e munizioni in un magazzino a
    Mesoraca. Il locale e' risultato di pertinenza all'abitazione
    di Vincenzo Cristofalo, 60enne del luogo con precedenti
    specifici, che e' stato tratto in arresto con l'accusa di
    detenzione illegale di armi e ricettazione. In virtu' delle
    precarie condizioni di salute a Cristofalo sono stati concessi
    gli arresti domiciliari. Nel corso della perquisizione i
    carabiniri hanno sequestrato una doppietta calibro 12 con canne
    e calcio mozzati; una pistola calibro 6,35; parti di un altro
    fucile calibro12, anch'esso con canne e calcio mozzati; una
    pistola scacciacani modificata; numerose munizioni calibro 12 a
    palla ed a pallettoni; circa 30 cartucce calibro 6,35. Tutte le
    armi presentavano la matricola abrasa o punzonata ed erano
    state modificate per essere facilmente occultabili e
    trasportabili; i carabinieri non escludono che possano essere
    state utilizzate per compiere atti delittuosi, per cui sono
    state inviate al Ris di Messina per la necessaria perizia
    tecnica. Cristofalo non ha voluto fornire alcuna spiegazione
    sulla provenienza delle armi ne' perche' le detenesse.
    Si tratta delle seconda persona che viene arrestata
    nell'arco di pochi giorni a Mesoraca per possesso di armi
    micidiali. Lo scorso 17 gennaio i carabinieri hanno infatti
    scoperto che un operaio 30enne nascondeva in un magazzino un
    fucile, tre pistole, munizioni e materiale esplodente. E in
    quel territorio gli ultimi mesi sono avvenuti almeno quattro
    omicidi di mafia. (AGI)