• Home / CITTA / Castagna (Uil): “Serve una svolta sul precariato”

    Castagna (Uil): “Serve una svolta sul precariato”

    ''Precariato in attesa. Basta
    con i ritardi! La Calabria ha bisogno di una svolta sul
    versante del precariato e della nuova occupazione''. A
    parlare e' il Segretario generale della UIL Calabrese,
    Roberto Castagna, che invita il neo Assessore al Lavoro,
    Mario Maiolo, a non perdere un solo minuto. ''Finita la fase
    del rimpasto- dice Castagna – ora bisogna lavorare sodo per
    portare a conclusione il buon lavoro fatto nei mesi scorsi''.
    Il Segretario della UIL ricorda che sulla questione del
    precariato Lsu-Lpu, il Presidente della Giunta regionale e'
    riuscito ad ottenere ben 60 milioni di euro in piu', che
    vanno ben utilizzati per stabilizzare. Inoltre, grazie al
    lavoro del Sindacato e' stato possibile acquisire una serie
    di norme, che non solo eliminano il discrimine tra Lsu e Lpu,
    quanto aiutano il percorso avviato negli ultimi mesi
    dell'anno scorso. Ora pero' siamo in una fase di stallo!''.
    ''La stessa intesa sulla stabilizzazione degli Lsu-Lpu
    regionali, pur nella parziale soluzione inquadramentale e
    oraria, registra ritardi e contraddizioni nell'applicazione,
    da parte della struttura burocratica e politica di
    competenza, incondivisibile e inaccettabile''.
    Per il Segretario della UIL, l'accordo che porta alla
    stabilizzazione di tutti gli Lsu-Lpu regionali, di certo, non
    soddisfa pienamente e, probabilmente, pone qualche
    interrogativo sul tipo di scelta, tuttavia le condizioni di
    contesto e l'impossibilita' di procedere, in tempi
    accettabili, alla sistemazione inquadramentale e oraria
    definitiva, fa si che diventa necessario e irrinunciabile la
    stabilizzazione, di tutti coloro che hanno sottoscritto
    l'adesione, nelle categorie B1 e B2.Un primo importante e
    significativo risultato – dice Castagna – che non pregiudica,
    piu' in avanti, una adeguata e definitiva sistemazione del
    personale interessato.(ASCA)