• Home / CITTA / Calabria, 12 punti per tracciare linee guida per fondi Por e Pon

    Calabria, 12 punti per tracciare linee guida per fondi Por e Pon

    Si possono riassumere in dodici
    punti i contenuti della riunione che si e' svolta questa
    mattina, nella prefettura di Catanzaro, per tracciare le linee
    guida in vista della programmazione dei fondi Pon (programmi
    operativi nazionali) e Por (programmi operativi regionali) per
    la sicurezza in Calabria. L'obiettivo e' quello di arrivare,
    attraverso una opportuna sinergia tra Stato e Regione, alla
    predisposizione di un piano di interventi che possa evitare
    duplicazioni, segnando una maggiore incisivita' sui temi della
    sicurezza ed evitando gli errori commessi in passato.
    All'incontro hanno partecipato i rappresentanti
    dell'autorita' di gestione del Pon sicurezza e quelli del Por
    calabrese, tra i quali il vicecapo della Polizia, Luigi De
    Sena, i prefetti della Calabria, il presidente della Giunta
    regionale, Agazio Loiero. I dodici punti che compongono le
    linee guida sono: videosorveglianza delle aree industriali e
    degli agglomerati urbani; libero utilizzo delle vie di
    comunicazione; tutela del contesto ambientale; contrasto alle
    aggressioni criminali al libero mercato e alle attivita'
    produttive contro la cncorrenza illecita' della criminalita';
    iniziative sull'impatto migratorio; devianza minorile; tutela
    del lavoro regolare; trasparenza negli appalti pubblici;
    iniziative di contrasto ai fenomeni di racket, estorsione e
    usura; gestione dei beni confiscati; cultura della legalita';
    comunicazione.
    Su questi dodici "titoli", dunque, si svilupperanno le
    iniziative collegate ai Pon e ai Por finanziati attraverso i
    fondi europei 2007/2013, grazie alla bozza di accordo quadro
    predisposto nella riunione di oggi.
    Il presidente della Regione ha sottolineato che "l'incontro
    va nel solco della sinergia attuata con il ministero
    dell'Interno, in un territorio dove i cittadini chiedono piu'
    sicurezza. La sinergia virtuosa tra Stato e Regione – ha
    aggiunto Loiero – permettera' che il Pon e il Por si intreccino
    ma non si sovrappongano, con azioni che sappiano guardare al
    futuro".
    Nel corso della riunione, Loiero ha affermato il fatto che
    "in Calabria c'e' un disperato bisogno di sicurezza,
    soprattutto in alcune aree. Per questo – ha dichiarato il
    presidente – la sicurezza deve rimanere al primo punto, e la
    Regione ha bisogno anche di dare un'idea di maggiore
    trasparenza".Intendimenti condivisi dal
    superprefetto Luigi De Sena, che ha evidenziato "la grande
    sensibilita' della Regione sui temi della sicurezza". Per il
    vicecapo della Polizia e responsabile dell'autorita' di
    gestione del Pon, "l'incontro e' servito per concordare le
    linne guida del prossimo Pon sicurezza e del Por calabrese,
    anche per evitare duplicazioni, concordando concretamente le
    linee di condotta da svolgere sul territorio. Riteniamo – ha
    proseguito De Sena – che il programma dei fondi 2007/2013 possa
    essere l'occasione per anticipare la sicurezza integrata
    prevista dalla riforma dell'articolo 118 della Costituzione.
    Vogliamo offrire al cittadino un prodotto piu' accettabile,
    sperando di essere operativi in poco tempo". (AGI)