• Home / CITTA / Bimbo morto a Lamezia; autopsia effettuata, polemiche restano

    Bimbo morto a Lamezia; autopsia effettuata, polemiche restano

     Si preannuncia battaglia tra periti per la morte del piccolo Giuseppe Staropoli, il bambino di due anni deceduto ieri notte nell'Ospedale di Lamezia Terme, dove era stato trasferito dal nosocomio di Vibo Valentia per l'arrossamento della faringe. L'autopsia effettuata stamattina nell'ospedale lametino sul corpo del bambino dal medico legale, Massimo Rizzo, ovviamente non ha i crismi dell'ufficialita'. Il perito ha riferito ai magistrati sui primi rilievi effettuati nella seduta ma ora occorrera' tempo per capire come esattamente siano andate le cose. In un corridoio dell'ospedale ad attendere, l'esito dell'esame autoptico c'erano i genitori, affranti, di Giuseppe, Nazareno Staropoli, muratore di 31 anni, la moglie Angela Julio, di 27, casalinga, entrambi di Triparni, frazione di Vibo Valentia, assieme ad alcuni familiari. Le prime indiscrezioni sugli esiti dell'autopsia parlano di ''segni di un'infiammazione delle vie respiratorie assieme ad una malformazione cardiaca importante''. Per il medico, che si e' riservato un margine di tempo per l'esame delle cartelle cliniche e delle procedure seguite, ''non ci sono i segni autoptici di una meningite. Tenderei ad escluderlo anche se la parola definitiva verra' lunedi' o al massimo martedi' dal risultato microbiologico''. Ma l'avvocato della famiglia, Rosella Profiti reagisce subito con un comunicato e parla di ''polmonite bilaterale grave con neoformazione cardiaca (come da certificazione medica). Ad una prima verifica, dunque, non sarebbero emerse malformazioni cardiache gravi, ma una neoformazione che, peraltro, sembrerebbe non aver avuto influenza sulla causazione del decesso''. Intanto a Triparni, a meta' strada tra il centro cittadino e la Marina, dove la famiglia Staropoli vive e' stata tanta la commozione all'arrivo, nel pomeriggio della piccola salma. Stasera, a conclusione della messa vespertina che si tiene tutti i sabati nell'unica chiesa della frazione, i giovani hanno dato vita ad una manifestazione spontanea che si e' conclusa con una fiaccolata silenziosa. Il corteo aperto da un cartello con su scritto 'Un angelo e' volato in cielo. Ciao Giuseppe ti porteremo sempre con noi'' ha raggiunto l'abitazione della famiglia Staropoli dove i partecipanti hanno osservato un momento di raccoglimento. Al termine il parroco don Giuseppe Gagliano ha invitato tutti a guardare ai funerali di domani ''come ad una festa – ha detto – dal momento che Giuseppe di feste non ne vedra' piu'''. A Vibo Valentia, lunedi', arrivera' intanto il prefetto Achille Serra, presidente della Commissione per la verifica della qualita' dell'assistenza sanitaria in Calabria nominato dal ministro della salute Livia Turco e dal presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, con l'incarico di svolgere un'indagine conoscitiva sullo stato della sanita' nella regione. Per l'assessore alla Salute della Regione Calabria, Vincenzo Spaziante Spaziante, ''qualunque siano le cause della morte e' giusto, anche a tutela degli operatori sanitari, conoscere la verita' e noi attendiamo di conoscerla''.(ANSA)