• Home / CITTA / Alvaro (Nuovo Psi). “Su Crea controcorrente”

    Alvaro (Nuovo Psi). “Su Crea controcorrente”

    Dico subito che non mi dispiace andare controcorrente rispetto ai luoghi comuni, alle grida di dagli all’untore, e alle verità sbandierate senza alcun pudore dai mass-media nazionali, in merito ai problemi sollevati dall’arresto dell’on. Mimmo Crea ed altre 17 persone. Non mi schiero, quindi, nelle tradizionali categorie dei colpevolisti o degli innocentisti, ma dico subito che un impianto accusatorio per essere credibile e reggere non può essere costruito su ‘convincimenti’, ma su riscontri concreti.

     Non mi sembra che nella vicenda, detti riscontri, ci siano in modo inoppugnabile. Al contrario, l’aver utilizzato categorie di sicuro effetto mediatico come ‘clinica degli orrori’, ed aver rilanciato la teoria dell’’uomo nero’ al centro di ogni illecito politico-mafioso,  e dopo due anni di assoluta incapacità a venire a capo della matassa del delitto Fortugno e dell’attentato a Saverio Zavettieri, la dice lunga sulla scelta di rompere gli indugi ed avviare un’operazione sperando in possibili effetti che il terremoto giudiziario potrebbe far emergere.

     Ma intanto si ottengono due risultati di notevole e grave ricaduta. Uno sul piano umano riferito alle persone coinvolte nella vicenda, arrestate e indicate al pubblico ludibrio; l’altro sul piano politico perchè, a sua volta, da una parte alimenta l’antipolitica che attualmente attraversa come un fiume carsico il Paese, e dall’altra diffonde una fitta nebbia sulla Sanità calabrese che è lo specchio preciso di una classe dirigente regionale incapace e inetta. Abbiamo ancora tutti presenti i problemi della malasanità che hanno portato alla morte di giovani vite che ancora gridano vendetta.

     Il Nuovo PSI chiede che si abbandonino, una volta per tutte, scelte di sicuro impatto mediatico, per ritornare a percorsi più concreti, anche perché diversamente anziché combattere le cosche mafiose si ottiene solo il risultato di rafforzarle, che è ciò che succederà quando tra due mesi, un anno o dopo la consumazione del tempo necessario, l’impianto accusatorio si potrà sfaldare inesorabilmente.

     Agli arrestati di oggi il Nuovo PSI augura di poter chiarire in tempi rapidissimi la propria posizione che, a prima vista, sembra quella di funzionari che hanno risposto positivamente a sollecitazioni della politica (ma questo, semmai, va catalogato nella pratica raccomandataria dei politici e non nell’attività mafiosa).


            Giovanni ALVARO

    Direzione Nazionale Nuovo PSI