• Home / CITTA / Salvate il murales di Gioiosa!

    Salvate il murales di Gioiosa!

    Arrivarono da Milano nell’estate del ’78, ospiti del Pci di Gioiosa Ionica. Creativi-militanti della Cgil meneghina e artisti locali gemellati nel nome di Rocco Gatto. Nacque così il murales di piazza Vittorio Veneto. È il Quarto Stato dell’anti-’ndrangheta, ricorda le vittime delle cosche e gli onesti che si sono opposti e ancora si oppongono alla mafia. È il simbolo dell’altra Calabria. Ma ora il murales rischia di scomparire, insieme alla memoria delle tante storie di resistenza che rappresenta.
    L’associazione daSud e il “Comitato pro murales teatro Gioiosa” hanno promosso una campagna per il restauro, per dare un segnale forte in un momento delicato da Sud e il comitato civico (del quale fanno parte anche i familiari di Rocco Gatto) lanciano un appello e una sottoscrizione rivolti alle istituzioni, alla politica, alla società civile, al mondo della cultura e dello spettacolo regionali e nazionali: "Chiediamo di  sottoscrivere l'appello per rafforzare la campagna e la solidarietà nei confronti di chi in Calabria si batte contro le 'ndrine – commenta l'associazione daSud – Il contributo economico servirà a raggiungere la somma necessaria per realizzare il restauro".
    All’appello hanno già aderito don Luigi Ciotti, presidente e fondatore di Libera, Francesco Forgione, presidente della commissione parlamentare antimafia, e Roberto Morrione, ex direttore di Rai News 24 e presidente della Fondazione Libera Informazione. Inoltre, il presidente della Camera Fausto Bertinotti ha voluto esprimere il plauso per l’iniziativa pro-murales di Gioiosa Ionica che gli è stata presentata a Montecitorio. Adesioni significative, che danno il segno dell’importanza della campagna lanciata da daSud e dal Comitato gioiosano.
    Il mugnaio Rocco Gatto fu ucciso dalla ‘ndrangheta il 12 marzo del 1977. Ha sempre detto “no” al pizzo, resistendo a intimidazioni e danneggiamenti. Ha accusato pubblicamente gli ’ndranghetisti, si è battuto fino all’ultimo giorno. La denuncia ai giudici contro la cosca Ursini gli è costata la vita. “La reazione all’assassinio fu forte e decisa – sottolinea l’associazione daSud – i cortei per sfidare la ’ndrangheta, il murales per non dimenticare. Per ricordare tutti i calabresi ‘contro’ che il murales simbolicamente ritrae, come un album di famiglia dell’antimafia calabrese”.
    “Conservare quel pezzo di memoria antimafia – sottolinea il comitato di Gioiosa – è un dovere, civile ed etico. Per Rocco Gatto, per tutti quelli che hanno combattuto la ’ndrangheta e hanno perso. E che l’hanno fatto per noi”.
    l’associazione da Sud