• Home / CITTA / Regione, i lavori della Prima Commissione

    Regione, i lavori della Prima Commissione

    Con le audizioni dei segretari regionali dei sindacati e dei rappresentanti delle organizzazioni ed associazioni regionali degli imprenditori ha preso il via, oggi, nella prima commissione consiliare “Affari Istituzionali”, presieduta da Pietro Giamborino, il programma dei lavori finalizzato all’approvazione della Stazione Unica appaltante.
    Oggetto dei lavori, che si sono conclusi in serata e che hanno visto la partecipazione dell’assessore Nicola Adamo, due provvedimenti di legge: il primo, a firma del vicepresidente del Consiglio Antonio Borrello, detta le norme di riordino in materia di appalti, di forniture, di beni, servizi e di lavori pubblici; il secondo, di iniziativa della Giunta regionale, riguarda l’istituzione dell’Autorità regionale denominata Stazione unica appaltante. Su proposta di Adamo, il presidente Giamborino ha chiesto formalmente a Borrello di riassumere l’incarico di relatore unico dei due provvedimenti.
    Diversi i suggerimenti e le proposte, anche sotto forma di osservazioni scritte, sottoposti all’attenzione dei commissari e, in particolare, gli intervenuti (Vera Laconica, Cgil; Domenico Zanino, Cisl; Pino Zito, Uil; Antonio Franco, Ugl; Giovanni Vita, Confindustria; Unione regionale Camere di Commercio e Ance Calabria), hanno ribadito l’importanza della tutela e della sicurezza sul luogo del lavoro e, più in generale, il rispetto dei diritti dei lavoratori.
    “Sono assolutamente convinto che la Commissione si sia incamminata sulla strada maestra che consentirà di portare in Aula, nella seduta del 28, il provvedimento- sostiene il presidente Giamborino-. La presenza del vicepresidente della Giunta è servita per chiarire ulteriormente l’intero iter tanto che Borrello ha accettato l’incarico che aveva lasciato. Naturalmente, aspettiamo altri contributi, soprattutto quelli dei sindaci delle città capoluogo e dei presidenti delle Province in programma domani insieme ai presidenti degli ordini professionali regionali e dell’Upi, Uncem e Anci ”.