• Home / CITTA / Forza Italia: restano i gazebo

    Forza Italia: restano i gazebo

    Il segretario nazionale di Forza Italia Sandro Bondi, con una comunicazione effettuata nella tarda serata di ieri, ha invitato gli attuali Coordinatori Provinciali ad occuparsi della nuova campagna di raccolta di adesioni attraverso i gazebo che a partire da sabato 24 e domenica 25 saranno di nuovo attivi in tutto il Paese.

    L’investitura deriva dallo straordinario risultato ottenuto dalla struttura del Partito in occasione della raccolta di 7 milioni di firme e consente di partecipare alla fase di rinascita del pensiero liberale in Italia attraverso la gestazione della nuova “creatura” di Silvio Berlusconi.

    Il Commissario Provinciale di Reggio Calabria ribadisce quindi la piena fiducia ai responsabili dei gazebo, ai coordinatori cittadini ed a quanti hanno operato nei giorni scorsi in tutti i comuni della Provincia, invitandoli a continuare ad occuparsi del rapporto diretto con i cittadini anche nelle prossime settimane, secondo le modalità operative che verranno definite nelle prossime ore.

    Esprime tutta la sua soddisfazione per i risultati ottenuti in tutta la provincia dalla raccolta firme contro il governo Prodi, una “straordinaria ed inattesa occasione per rodare sul campo la compagine di 70 nuovi responsabili cittadini della provincia di Reggio Calabria, eletti nella stagione dei congressi che per quattro mesi, da luglio ad ottobre, ha tenuto banco nei nostri comuni”.
     L’entusiasmo con il quale  i calabresi ed i reggini hanno risposto a questa opportunita’ fornita da Forza Italia e’ stato eccezionale, nonostante le difficolta’ del clima, veramente inclemente in tutta la provincia, che potevano compromettere gravemente il risultato  numerico dell’iniziativa voluta dal Presidente Berlusconi ma che invece ha alla fine visto la nostra provincia perfettamente in linea  con gli obiettivi della vigilia.
    Per una volta  il variegato popolo di Forza Italia, composto dai neo coordinatori comunali ma anche dagli eletti a tutti  i livelli, dagli amministratori, dai dirigenti, dal numeroso e agguerrito gruppo dei giovani, dai circoli della liberta’ e del buongoverno, hanno dimostrato che anche nella nostra bistrattata provincia e’ possibile lavorare in rete per degli obiettivi condivisi, mettendo da parte le storiche rivalita’, e sfoderando doti di  iniziativa, abnegazione e qualita’ personali che normalmente non hanno modo di  emergere nella quotidianita’ di una attivita’ politica calabrese ormai asfittica e autoreferenziale, priva di progettualita’ e di strategia.
    In  questo contesto, i tre giorni  dei “gazebo” passeranno alla storia per  la grande mobilitazione di capitale umano in quasi tutti i comuni della provincia, con giovani e meno giovani alle prese con i vari livelli di coordinamento dell’iniziativa, intenti a sperimentare l’efficacia della comunicazione via sms, email e  telefono, alle prese con condizioni atmosferiche proibitive  ma nonostante tutto efficienti e  motivati a portare  a casa il risultato importante immaginato e fortemente voluto, da Silvio Berlusconi, quasi a voler presagire il grandioso colpo di scena finale con l’annuncio a  sorpresa della nascita del nuovo soggetto politico: Il Partito del Popolo della Liberta’.
    La consapevolezza per ognuno degli iscritti di  Forza Italia, per ognuno dei dirigenti e  degli eletti che in questo fine settimana hanno vitalizzato le piazze  della provincia reggina, e’ quella di aver partecipato ad una impresa storica che forse rappresentera’  la vera svolta liberale nel nostro Paese. La stessa consapevolezza che deve aver pervaso i comuni cittadini, di ogni estrazione sociale e oseremmo dire, di ogni colorazione politica, che facendo la fila hanno sborsato un euro per poter dire “basta” a una congrega di politici  dalle idee confuse che sta portando l’Italia in fondo al baratro di un declino che richiederebbe cure da cavallo in meritocrazia, sicurezza, innovazione e competitivita’  invece del devastante “tassa e spendi” improntato all’odio sociale tracciata da una sinistra radicale egemone e piena di pregiudizi.
    A Forza Italia, ed a  noi, in tutta la provincia reggina, la soddisfazione di aver saputo interpretare questa esigenza di sfogo popolare, che ci tocca ora trasformare in progetto politico per dare contenuti attraverso una nuova classe dirigente che ha gia’ trovato un embrione, attraverso il meraviglioso popolo dei gazebo di Forza Italia che potrebbe costituire l’ossatura portante del nuovo grande partito popolare e liberale che dovra’ rilanciare e ridisegnare il modo di fare politica in Italia, in Calabria e  a Reggio.
    Ci sara’ tempo per la disamina e  la convalida  del patrimonio di consensi acquisito attraverso le firme dei nostri concittadini, cosi’ come per le pagelle e  le stelle al merito che sul campo si sono guadagnati certamente tutti coloro che hanno dato il loro contributo.   ma per il momento c’e’ spazio solo per la serena, consapevole, legittima soddisfazione per un risultato di squadra che onora tutta Forza Italia e lascia ben sperare su un modello partecipativo e collaborativo che qualcuno pensava fosse impossibile da applicare in questa nostra terra ma che e’ stato smentito, per una volta, dai fatti. E che lascia ben sperare per la nascita di quella compagine forte, coesa, radicata sul territorio, popolare e liberare, che possa ripensare l’Italia e invertire il trend di sottosviluppo del meridione, sparigliando le carte agli incapaci per portare un “sogno” a noi ed i ai nostri figli.
     Nino Foti