• Home / CITTA / Reggio, querelle acqua: Pizzimenti chiede sospensione invio fatture

    Reggio, querelle acqua: Pizzimenti chiede sospensione invio fatture

    Nuccio Pizzimenti, delegato territoriale e capogruppo di Forza Italia alla prima circoscrizione “Centro Storico”, interviene per <<chiedere all’Amministrazione Comunale  di sospendere l’invio delle fatture dell’eccedenza acqua dal 2002 al 2004 .
    L’esponente di Forza Italia esprime un plauso alle varie associazioni di categoria che hanno sostenuto in parte la sua iniziativa circa la richiesta di rimbor-so dei canoni acqua <<tengo a precisare, che non sono d’accordo sul fatto che il rimborso debba essere considerato positivamente per il periodo 2005 – 2006 i termini della prescrizione sono 5 anni dal 2002 al 2006, pertanto chie-do alle associazioni di prendere in considerazione la mia proposta>>
    Spiega Pizzimenti <<siamo veramente al paradosso, i cittadini chiedono con regolare istanze al Sindaco la restituzione delle somme pagate negli ultimi 5 anni del canone acqua dal 2002 al 2006 nella misura del 50%, nonché la ri-duzione nella stessa misura di quello ancora da versare per il 2007, e per tut-ta risposta ricevono le fatture su l’eccedenza>>.
    Incalza l’esponente azzurro <<al Sindaco Giusepe Scopelliti sono arrivate mi-gliaia di istanze, non si può infierire sui contribuenti, è necessario avere noti-zie da parte dell’Amministrazione Comunale, si deve fare chiarezza, è neces-saria una convocazione di Consiglio Comunale, il problema esiste, è va af-frontato con determinazione>>.
    Continua il forzista <<il dirigente del servizio alla manutenzione Marcello Cammera è stato chiaro: <<i pozzi sono quasi prosciugati, e l’acqua raggiun-ge un limite di salinità tale da impedire il corretto funzionamento dei desalizza-tori, i tempi per avere l’acqua del Menta sono molto lunghi>>.
    Aggiunge Pizzimenti:  <<è' anche necessario trovare una soluzione al proble-ma, l'Amministrazione deve investire sulla ricerca di falde acquifere, e costrui-re dei pozzi>>.
    Pizzimenti conclude evidenziando che <<il canone pagato è un corrispettivo verso un servizio che bisogna garantire al cittadino, al momento vi è da parte della Amministrazione Comunale un indebito arricchimento>>.