• Home / CITTA / Manifestazione 20 ottobre a Roma; associazione “ottominuti” presente

    Manifestazione 20 ottobre a Roma; associazione “ottominuti” presente

    L’associazione OTTOMINUTI raccoglie l’appello lanciato nelle scorse settimane dai quotidiani “Il Manifesto”, “Liberazione” e dal settimanale “Carta” e aderisce alla manifestazione che si svolgerà a Roma il prossimo 20 ottobre.
    Condividiamo pienamente -si legge in una nota-  l’appello anche perché pensiamo che la questione sociale, i diritti di tutti (che devono precedere gli interessi di alcuni), la questione di genere, il disarmo e la pace, l'ambiente e la difesa del territorio e dei beni comuni siamo centrali soprattutto per i nostri territori.
    La Calabria più che mai ha bisogno di lotta alla precarietà che nella nostra Regione si tradurrebbe in lotta al lavoro nero e sottopagato e di una nuova legalità costruita dal basso, non contro i lavavetri, ma contro il malaffare che regna sovrano in tutta la pubblica amministrazione calabrese: chi vuole combattere la ‘ndrangheta innanzitutto da lì deve cominciare.
    È necessario aprire una vertenza nazionale sui temi sociali anche perché il governo in questi mesi non ha fatto ciò che aveva promesso: cancellare la precarietà, abrogare la legge 30 del governo Berlusconi, garantire tutele e nuovi diritti.
    Ci aspettavamo che al centro della politica italiana venissero messi i bisogni di milioni di persone, le vite precarie di chi non riesce ad arrivare alle fine del mese, non riesce a pagare l'affitto, fa tre lavori per pagarsi le tasse universitarie, viene discriminato da leggi omofobe e razziste.

    OTTIMINUTI rende noto inoltre che, in vista della consultazione prevista per l’8 9 10 ottobre, quando i sindacati confederali chiederanno ai pensionati e ai lavoratori dipendenti e in regola di esprimersi su quest'accordo, dal 5 al 12 ottobre in città si svolgerà una consultazione precaria autorganizzata dove tutti e tutte potranno partecipare, votare, chi è disoccupato, chi è precario, chi è invisibile potrà reclamare con un gesto semplice maggiori diritti e dire no alla precarietà.
    Le modalità di svolgimento di questa iniziativa saranno rese note nei prossimi giorni.