• Home / CITTA / Loiero: “Da Sd reazione maldestra”

    Loiero: “Da Sd reazione maldestra”

    ''Che la Sinistra Democratica stia manifestando una pervicace azione tendente a crearsi lo spazio che non ha all'interno della sinistra calabrese e' chiaro a tutti. Ed e' altrettanto chiaro che lo fa in maniera maldestra, visto che nessuno dei partiti che dovrebbero affiancarla e' disposta ad avventure come quelle auspicate dai suoi dirigenti, perche' consegnerebbero alla destra la Regione. Elude quindi la realta'''. E' quanto afferma il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, di fronte alle esternazioni dei dirigenti politici nazionali e regionali del partito di Mussi e Salvi. ''Ho gia' risposto al senatore Salvi, gli ho detto che non ha un minimo di conoscenza della realta' per dare lezioni di alcun tipo, mi sembra superfluo replicare – ha detto ancora Loiero – ai certo non numerosi suoi dirigenti periferici, il senatore Antonio Iovine e altri. Il loro e' un tentativo maldestro di scaricare sul governo regionale della Calabria la propria scarsa incisivita' nella realta' regionale riproponendo argomenti di una parte della destra''. ''Quand'anche fossero quelle citate le cifre dei consiglieri regionali 'indagati', voglio ricordare – ha affermato Loiero – che per un principio di civilta' giuridica essi sono innocenti fino a condanna definitiva. Se mai e' un problema dei partiti che fanno le liste. Insieme a Marco Minniti avemmo la massima cura per quelle del 2005 e per quello che conoscevamo abbiamo messo fuori due incensurati solo perche' erano imparentati con persone che avevano problemi con la giustizia. E voglio sottolineare a chi fa finta oggi di ignorarlo che per alcuni degli indagati l'accusa e' stata ritirata dallo stesso pm con la richiesta di proscioglimento mentre un consigliere e' stato dichiarato decaduto dopo una condanna in primo grado per fatti che non riguardano la vita della Regione, perche' cosi' prevede la legge (cosa che non vale per il Parlamento nazionale) e non perche' cosi' ha deciso Prodi''. (Adnkronos)